L’UOMO SBAGLIATO

Una storia  torrida e fatale che va alle origini del desiderio. Un amore in bilico fra bisogno di abbandono e paura di lasciarsi andare: quella voglia di perdersi mescolata alla tentazione di fuga che ogni donna ha provato almeno una volta nella vita. Un romanzo che entra nella pelle con la dolcezza di una canzone d’amore.  Un feuilleton sofisticato e postmoderno, tra echi cinematografici noir e tentazioni melò.

Un uomo e una donna che avrebbero potuto non incontrarsi mai e invece scivolano ineluttabilmente nella storia contro cui non puoi niente: quella che ti mozza il fiato, in cui l’eros slitta  progressivamente nell’amore.

Sullo sfondo, una Milano alto borghese, quella delle strade discrete e dei cortili nascosti “dove la ricchezza fa da barriera anche ai suoni e il frastuono del traffico non osa disturbare le case dove le tavole vengono apparecchiate con tovaglie antiche di lino e bicchieri di cristallo passati di madre in figlia”. Una saga familiare in cui il potere economico si propaga per via femminile. In casa Lanzone Stucchi non importa che la discendenza sia diretta: da cinque generazioni la donna più forte e volitiva, quella che non teme di sporcarsi le mani con il potere e i suoi giochi, gestisce l’impresa di costruzioni di famiglia con polso inflessibile. Finché Francesca, l’ultima delle eredi, non incontra Riccardo, spericolato e misterioso uomo d’affari del sud, “bello come un dio greco”: l’uomo sbagliato. Sposato, come lei. E troppo diverso. Per ambiente, storia, tradizioni, etica. Fermarsi è difficile. Impossibile. E ogni volta sono lacrime, sofferenze, sesso, ma anche desiderio e grande amore. E allora? Può essere solo una follia, una sbandata o una pausa rigenerante. Ma per quanto tempo si potrà giocare mantenendo il controllo della partita? Riccardo nasconde un segreto che Francesca non riesce a penetrare, lacerata fra la carne e gli obblighi di una casta che ha fatto sua. Intanto, i rispettivi mondi li reclamano.

L’uomo sbagliato si apre con un prologo erotico e si chiude con una favola romantica, perché “l’amour physique est sans issue”, come canta Serge Gainsbourg nella canzone che apre il libro. Musica e tessuto narrativo sfumano una nell’altro: dove non arrivano le parole, arrivano le canzoni.  Ogni capitolo è introdotto da un brano che ne suggerisce l’atmosfera. Perché, come diceva François Truffaut, “Le canzoni d’amore sono stupide; e più sono stupide,  più sono vere”.

Erica Arosio, milanese, pariniana orgogliosa, laureata in Filosofia alla Statale di Milano, è giornalista del settimanale Gioia, dove si occupa di cultura e spettacolo. Onnivora, smodata e appassionata spettatrice, è critico cinematografico e autrice di una biografia su Marilyn Monroe (Multiplo edizioni, 1989). Ha collaborato a varie testate, fra cui La Repubblica, Il Giorno, Cineforum, Rockerilla, Segnocinema e a trasmissioni televisive e radiofoniche. Per molti anni ha curato la rubrica cinema di Radio Popolare. Ha due figli che adora, Mimosa, 21 anni e Leone, 18. Passerebbe la vita a viaggiare, incontrare persone e conoscere le loro storie. Lo ha fatto meno di quanto avrebbe voluto. Ma pensa di avere ancora il tempo di rimediare.

Commenti

commenti

Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti

Autore dell'articolo: Redazione

Redazione
Impaginazione, revisione, scrittura e pubblicazione sono a cura della redazione che decide cosa pubblicare e cosa non pubblicare, secondo la linea editoriale tracciata dal direttore! Sede operativa redazione: via Angelo Antonio Minichiello, 83035 Grottaminarda (Avellino) info@culturaeculture.it - Tel. 0825 426543

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI