Donne che tacciono, donne che scrivono

hanan-al-shaykh
Hanan Al-Shaykh

Le parole “donna araba” evocano un’immagine ben precisa nella nostra mente, frutto di una concezione a volte distorta o, comunque, incompleta del mondo arabo islamico. Subito pensiamo a una figura velata, sottomessa, magari prigioniera di un harem, occhi languidi e atteggiamento passivo di chi sa che non esiste via d’uscita e si rassegna a un futuro già scritto e deciso da altri, gli uomini.

E se vi dicessi che la situazione è molto più sfaccettata di così? Non possiamo negare che i problemi relativi all’emancipazione femminile nel mondo islamico esistano e siano anche difficili da risolvere. Il caso di Malala, a cui questo piccolo spazio è dedicato, non è che l’ultimo esempio in ordine di tempo.

Sulle questioni riguardanti l’istruzione femminile, il velo o la poligamia, potremmo parlare per ore e molti tristi avvenimenti in proposito sono sotto gli occhi di tutti. Eppure non tutte le donne tacciono e chinano il capo. O meglio, alcune lo fanno, ma per scrivere e, a quel punto, la voce delle parole diventa più forte e salda di quella umana, valica confini arrivando a spezzare catene d’acciaio.

La scrittura è un mezzo per far conoscere una situazione o un modo di vivere o una storia, mettere nero su bianco ciò che si sente nel cuore e si vive tutti i giorni. Le narratrici arabe sono formidabili nel raccontare il loro mondo; sanno percepire con acume ciò che, spesso, gli sguardi distratti e frettolosi di altre donne e uomini di qualunque religione non prendono in considerazione, riescono ad interpretare ciò che accade da prospettive nuove, regalando ai lettori romanzi e racconti capaci di intrattenere e far riflettere allo stesso tempo.

Sono donne colte, cosmopolite, intelligenti e brillanti che aspirano alla completa emancipazione femminile senza rinnegare l’ambiente in cui sono cresciute. Alcune non vedono contraddizioni tra la libertà e l’Islam, altre tentano di comporre quelle che considerano delle “crepe” tra la vita moderna, l’Occidente, l’Islam e le donne dovute ad una scorretta interpretazione del Corano.

I temi che affrontano nei loro romanzi o nei racconti non riguardano solo il rapporto con gli uomini e tutti i problemi ad esso connessi (come la già menzionata poligamia, ad esempio), ma scavano molto più a fondo, analizzando il valore delle leggi e delle tradizioni ai nostri giorni, il contesto politico e storico da cui sono nate le nazioni moderne e il ruolo che la donna ha avuto in questa complessa costruzione di un’identità sociale, politica e religiosa. Queste autrici non “descrivono” la vita in un harem, ma la mostrano, penetrandone i risvolti psicologici, giuridici, umani. I ritratti di donne presentati al lettore non mostrano i contorni netti della sottomissione, ma quelli più sfumati di menti piene di sogni e aspettative, coltivate con costanza e determinazione nonostante le difficoltà quotidiane.

Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Fatima Mernissi
Fatima Mernissi

Non creature passive, dunque, ma guerriere che cercano una via d’uscita ai loro problemi, eroine o donne normali che siano. Lo stile delle scrittrici arabe è sempre molto personale, inimitabile, talvolta intimo ma mai monotono. Quest’ultima precisazione mi sembra doverosa dal momento che molte volte mi è capitato di imbattermi in persone che mai e poi mai avrebbero letto un libro di un autore arabo (uomo o donna) perché giudicato “pesante”. Non mi soffermo sulle radici di quello che è solo un pregiudizio, ma vi consiglio, invece di leggere i libri di autrici arabe tenendo conto di un elemento importante, la lingua in cui le opere sono state scritte. Alcune intellettuali, come le famose Fatima Mernissi e Assia Djebar, scrivono in francese, la lingua della colonizzazione e questo si riflette nei temi e nello stile. La lingua può essere uno strumento di libertà, ma anche una sorta di gabbia che riflette una identità scissa per cause storiche e sociali. Altre, invece, scrivono in arabo, come Hanan Al-Shaykh (Donne nel Deserto) o Ahlam Mosteghanemi (La Memoria del Corpo).

Sono due modi di scrivere diversi, ma non ne esiste uno “migliore” dell’altro. La questione, semmai, è tutta nell’idioma usato che può dare la percezione di un avvicinamento o di un allontanamento dai temi e dalle storie trattate. Vi “sfido” a leggere le opere delle autrici citate e a ricavarne delle impressioni sullo stile anche in base alla lingua usata. Credo che vi sorprenderanno.

Torneremo a parlarne in modo più approfondito nei prossimi post.

Francesca Rossi

 

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Francesca Rossi

Francesca Rossi
Francesca Rossi, romana, è specializzanda in "Lingue e Civiltà Orientali" a “La Sapienza", ha vissuto ad Alessandria d'Egitto per approfondire lo studio della lingua e la cultura araba. Gestisce tre siti: "La Mano di Fatima", "Divine Ribelli", "Angelica la Marchesa degli Angeli". Per la casa editrice “La Mela Avvelenata” ha scritto diversi racconti tra cui “La Spada di Allah” e partecipato a molte antologie come “50 Sfumature di Sci-Fi” con il racconto “La Preghiera della Sera”. E’ in pubblicazione il suo romanzo “Il Palazzo d’Inverno” e in fase di scrittura l’opera a tema islamico “Alamut”. Il sito: http://elioreds.wix.com/francescarossi Pagina Fb: https://www.facebook.com/FrancescaRossiAutrice

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI