Le donne e la sindrome della crocerossina

candy candyNoi donne siamo state programmate per far programmi. E scusate il gioco di parole. Pensiamo di essere come una macchina o meglio come un robot che è programmato per migliorare le giornate altrui.

Uso la parola “programma” più volte proprio perché non esistono sinonimi adatti per definire la nostra abitudine al servizio, una peculiarità femminile. Una sorta di sindrome della crocerossina! Siamo abituate a prestar soccorso (anche quando non ci è stato richiesto) e non ci accorgiamo che questa necessità spesso non nasce da un bisogno interiore, spontaneo e personale, cioè amiamo noi stesse tanto da donarci agli altri.

Al contrario “la sindrome della crocerossina” è il risultato di un modello comportamentale insano, tramandato quasi geneticamente che diventa con il tempo un’imposizione, un dovere, una forma di violenza psicologica che facciamo a noi stesse quotidianamente, magari privandoci del tempo libero e di tutte quelle attività che potrebbero migliore la nostra vita, da intendere non come una lotta per la sopravvivenza ma come un meraviglioso viaggio all’insegna della scoperta. Vivere vuol dire acuire i nostri sensi, per vedere e sentire veramente. Vivere vuol dire realizzare la nostra vera natura secondo le predisposizioni di ciascuno.

Vivere è un’esperienza di crescita e non dobbiamo per forza lanciarci da un aereo con il paracadute per sentirci bene. Può donarci sensazioni sopite o mai provate anche una passeggiata lungo un sentiero o in riva al mare mentre le onde spumeggianti ci bagnano i piedi e il sole ci riscalda. Per riscoprire l’essenza stessa della vita, non c’è bisogno di stilare programmi (gratificanti forse più per gli altri che per noi stessi) in un’agenda consumata dal tempo e dalle nostre mani nervose che cercano di trascrivere pensieri disordinati e dubbiosi. Abbiamo tutto il diritto di lasciarci andare, seguendo la nostra voce interiore che sa sempre cosa fare e qual è la strada da seguire. Arianna Huffington in un articolo pubblicato nella sua rubrica su D di Repubblica consiglia ai giovani di tenere la mente sgombra dalle ossessioni degli adulti, soprattutto per quanto concerne l’agenda degli impegni. Questo suggerimento lo estendo alle donne di tutte le età: liberate la mente dai modelli comportamentali che ci sono stati tramandati, cooperando con la vostra guida interiore in modo da essere meno crocerossine e anche più flessibili di fronte agli imprevisti, perché l’inflessibilità e la rigidità mentale sono alla base delle principali nevrosi.

Maria Ianniciello

Commenti

commenti

Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti

Autore dell'articolo: Maria Ianniciello

Maria Ianniciello
Fondatrice di Cultura & Culture. Giornalista, iscritta all'Ordine dei giornalisti della Campania. Naturopata in formazione presso l'Istituto Riza. Laureata in lettere con il massimo dei voti (vecchio ordinamento) presso la Seconda Università di Roma, lavora a tempo pieno da diversi anni nel giornalismo. Ha lavorato con quotidiani e televisioni dell'Irpinia e del Sannio: Valtelesinanews, Buongiorno Irpinia, Telenostra e Ottopagine. Ha collaborato con Paolo Filippi per il programma "Cordialmente" e con Radio Sì di Bruxelles. Dal dicembre 2010 al dicembre 2011 ha diretto la rivista a vocazione territoriale XD Magazine, che esce nelle province di Avellino e Benevento. A dicembre 2010 è uscito il suo primo romanzo "Conflitti" Tra il 2012 e il 2013 escono i primi due quaderni della serie: Le interviste di Maria Ianniciello. Il direttore di Cultura & Culture intervista Aldo Masullo e il fratello di Salvo D'Acquisto, Alessandro. Da gennaio 2016 è naturopata in formazione presso l'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica, presieduto da Raffaele Morelli. Su Cultura & Culture si occupa di benessere e naturopatia con un occhio sempre attento alla cultura. Pratica l'aromaterapia sia in gruppo che individualmente e fa consulti naturopatici.

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI