Cultura e Coerenza

©vukas - fotolia.com
©vukas – fotolia.com

Si pensa in un modo, si predica in un altro e si razzola come si può.

Pochi capiscono di che si tratta, ma cultura d’alto livello o di alto spessore culturale non si nega a nessuno di quanti transitano su tribune, perché sanno leggere, scrivere e soprattutto dire. Teorie e tecniche per imporsi non mancano. Ebbe fortuna persino l’idea di uguaglianza tra esseri umani, che natura però non crea in serie, ma simili e destinati a farsi valere per godere parità. Apostoli e paladini non sempre aprono gli occhi ed insegnano a provvedere a sprovveduti ed a sprovvisti, per cui l’umanità resta divisa in sapienti ed ignoranti, in potenti ed inetti, in ricchi e poveri ed insomma divisa per sapere e per avere. Creando talvolta anche danni ad altri, sapere ed avere crescono, esibendo e facendo valere titoli, donde pure privilegi, che, essendo tali, cioè privilegi, non sono per tutti e da tutti e quindi incostituzionali e non repubblicani.

Nella vita ostacoli da superare se ne incontrano e richiedono l’intervento pareggiatore della legge, che, se inesistente, bisogna emanare. Idee che incantano, infiammano e trascinano e teorie miracolose portano sugli altari chi le sa usare. Arma potentissima, la parola, studiata, elaborata, affinata ed infiocchettata, conquista umanità fragile, ignorante, semplice, senza malizia, senza ratio e però anche con bisogni e con problemi più grossi e più grandi di essa, condannata dalla legge della giungla a subire violenze da prevalenti fisicamente, intellettualmente, economicamente e politicamente.

A potente riverito raro chi ricorda doveri naturali, umanitari, legali, anche giurati di rispettare e far rispettare: freno morale quasi inesistente ed identità, dignità, giustizia, diritti e rispetto dell’altro affidati a se stessi, a dichiarazioni di rito, a commenti d’occasione ed a facile dimenticanza. Cultura, citata spesso a proposito ed a sproposito, pur non sempre chiarita nel concetto e per funzione, spesso ama isolarsi e distaccarsi da realtà, che generalmente non vive e non conosce, ma della quale pretende di dire anche autorevolmente, da etica a politica e da lavoro a sicurezza.

Equità, legalità e crescita resteranno utopie e si continuerà a sapere di disgrazie, finché la cultura non effettuerà incisive ed opportune azioni tra popolazioni interessate da problemi mai risolti, perché mai posti.

Nunziante Minichiello

Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Nunziante Minichiello

Nunziante Minichiello
"Distribuisco cultura, quella che mi ritrovo, e cose che servono. La cultura è gratis; le cose che servono costano, ma a volte costano meno che altrove. Nei miei voti è la buona fortuna di tutti quanti". Questo è il motto di Nunziante Minichiello che su Cultura e Culture firma la rubrica "Il Terrone che non ci sta", riflessioni sul Mezzogiorno e sull'Italia, in generale, gli editoriali e alcuni articoli di attualità.

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI