Un disastro di ragazza: trailer e recensione

Un disastro di ragazza, recensione

un-disastro-di-ragazza Un disastro di ragazza? Non è un’altra stupida commedia americana, tanto per citare il titolo di un film uscito nel 2011 in cui la protagonista si trasforma in una bella reginetta del ballo. In Un disastro di ragazza il personaggio principale si chiama Amy, proprio come Amy Schumer, l’attrice che interpreta questa donna bionda, un po’ curvy, che non si cala nel ruolo preconfezionato della sfigata con l’ambizione del riconoscimento esterno; anzi lei è sicura di sé. Con le immancabili minigonne (simbolo del femminismo ma non della iconica donna in carriera), Amy – senza apparire artefatta – si comporta proprio come molti dei suoi coetanei dell’altro sesso: ha rapporti occasionali, non si lega a nessuno, proprio perché, come le ha suggerito il padre quando era solo una bambina, la monogamia è «irrealistica», controproducente e ti schiavizza, rendendoti debole. Almeno questo pensa la protagonista della spassosa commedia diretta da Judd Apatow e scritta proprio da Amy Schumer. TrainwreckL’occhio della macchina da presa indugia con ironia nella vita di questa simpatica ragazza indipendente e sopra le righe che lavora in una rivista scandalistica, nonostante abbia ben altre doti. Come sempre accade nelle commedie americane (e non solo) qualcosa rompe la routine di Amy – che beve fino a ubriacarsi e fuma le canne – cambiandola a poco a poco. Quel qualcosa è la freccia di Cupido. La ragazza incontra causalmente e senza volerlo il suo “principe azzurro”, un famoso e affascinante medico sportivo (Bill Ader), che modifica il suo punto di vista sui rapporti d’amore, proprio com’era accaduto in Amici di letto (2011) o anche in Molto incinta (2007). Lontana dalla comicità romantica di Katherine Heigl – che pure, con commedie come La dura verità (2009), ha fatto furore negli Usa -, Amy Schumer è una piacevole scoperta per noi italiani e forse non solo! Nel complesso Un disastro di ragazza è un film che diverte senza sfociare nella volgarità e che, con un plot non banale, descrive anche un altro modo di intendere e concepire la femminilità senza giudizi e luoghi comuni ma solo con la voglia di sbarazzarsi di qualsiasi cliché stantio ribaltando il gioco delle parti tanto caro all’America dei conservatori per poi ristabilire verso il finale un sano equilibrio. Voto 3.5 out of 5 stars (3,5 / 5)

Un disastro di ragazza, trailer

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Maria Ianniciello

Maria Ianniciello
Naturopata ad indirizzo psicosomatico. Aromaterapeuta. Diplomata in Naturopatia presso l'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica. Lavora sia in gruppo che individualmente con consulenze naturopatiche e sedute di aromaterapia. Giornalista pubblicista. Scrive di benessere, aromaterapia, motivazione al femminile, LifeStyle. Ama la Cultura, in particolare il cinema. Lettrice vorace. Si è laureata in Lettere nel 2005 presso la Seconda Università di Roma con il massimo dei voti.

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI