Survivor: trama, recensione e trailer

survivorSurvivor: superstite. Sopravvissuto. Questo il titolo, tradotto in italiano, del film uscito il 21 maggio 2015 nelle sale cinematografiche. Survivor, con il suo cast di attori del calibro di Pierce Brosnan, Emma Thompson e la splendida attrice ucraina Milla Jovovich, è diretto da James McTeigue che gira un prodotto discreto, con un unico filo conduttore: difendere l’amata Patria, gli Stati Uniti, dal terrorismo internazionale. Molti dei sopravvissuti all’attentato delle Torri Gemelle hanno ormai rimosso, almeno consciamente, quanto accadde l’11 settembre e quindi sono poco attenti e vigili. Tutti, tranne pochi e geniali elementi. Tra questi c’è una donna. Milla Jovovich veste i panni di una talentuosa impiegata dell’Ambasciata statunitense a Londra, che con destrezza e intuito è capace di scovare i terroristi che si apprestano a entrare in America. E anche questa volta la protagonista di Survivor, che parla correttamente diverse lingue, non sbaglia. Si ritrova però suo malgrado coinvolta in un attentato e, proprio in quel momento, si dà alla fuga. Seguita dalla polizia londinese e braccata dai suoi stessi colleghi dell’Ambasciata, la geniale Kate Abbot è stata presa di mira da un killer, assoldato da un gruppo di terroristi che sta progettando un attentato a Time Square. L’antagonista si fa chiamare l’orologiaio ed è un criminale freddo e senza alcuna pietà che per soldi vende l’anima al diavolo. Interpretato con estrema eleganza dall’ex James Bond, Pierce Brosnan, questo personaggio rappresenta la feccia della società che, sotto la parvenza di uomo perbene, commette le azioni più ignobili. In Survivor il male si scontra con il bene, impersonato da una donna, che è portatrice di buoni ideali e che, per proteggere i suoi compatrioti, è disposta a tutto. La cultura occidentale può essere salvata ora non solo da un personaggio femminile ma dai singoli che possono, se vogliono, scuotere le masse. Survivor, con le sue scene troppo spettacolari da sembrare esagerate, nulla aggiunge al già saturo cinema d’azione. Peccato, perché l’idea dopotutto era buona!

Voto: (2,5 / 5)

Trailer Survivor

 

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Maria Ianniciello

Maria Ianniciello
Fondatrice di Cultura & Culture. Giornalista, iscritta all'Ordine dei giornalisti della Campania. Naturopata in formazione presso l'Istituto Riza. Laureata in lettere con il massimo dei voti (vecchio ordinamento) presso la Seconda Università di Roma, lavora a tempo pieno da diversi anni nel giornalismo. Ha lavorato con quotidiani e televisioni dell'Irpinia e del Sannio: Valtelesinanews, Buongiorno Irpinia, Telenostra e Ottopagine. Ha collaborato con Paolo Filippi per il programma "Cordialmente" e con Radio Sì di Bruxelles. Dal dicembre 2010 al dicembre 2011 ha diretto la rivista a vocazione territoriale XD Magazine, che esce nelle province di Avellino e Benevento. A dicembre 2010 è uscito il suo primo romanzo "Conflitti" Tra il 2012 e il 2013 escono i primi due quaderni della serie: Le interviste di Maria Ianniciello. Il direttore di Cultura & Culture intervista Aldo Masullo e il fratello di Salvo D'Acquisto, Alessandro. Da gennaio 2016 è naturopata in formazione presso l'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica, presieduto da Raffaele Morelli. Su Cultura & Culture si occupa di benessere e naturopatia con un occhio sempre attento alla cultura. Pratica l'aromaterapia sia in gruppo che individualmente e fa consulti naturopatici.

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI