Self/less, trailer del film e recensione

self-less-film

 

Fino a dove l’essere umano è disposto a spingersi per debellare la morte? Se lo chiede ancora una volta il Cinema con Self/less, film uscito nelle sale italiane il 10 settembre 2015. La macchina da presa di Tarsem Singh si muove agile in un campo già esplorato, creando un calderone che abbraccia diversi generi, dal thriller al fantascientifico, dal drammatico all’azione. Il cast di ottimi attori, come Ryan Reynolds e Ben Kingsley, entrambi convincenti nei loro ruoli, rende questo film un discreto prodotto. La pellicola affronta i temi cari alla cinematografia di ultima generazione che, stanca dello spazio, da Matrix in poi si avventura nei meandri della mente umana per interrogarsi non solo sulla morte ma anche sui meccanismi dell’inconscio ponendosi un altro interessante interrogativo: cosa si può fare per non “perdere” le menti più geniali del pianeta?

self-less-trailer-film-recensione
©Alan Markfield / Gramercy Pictures

Un tempo ci si affidava ai cantastorie e alle biografie che raccontavano le gesta di uomini resi immortali, adesso con le nuove tecnologie si può ottenere molto di più; e se in Transcendence, il cervello di un illustre ricercatore (Johnny Depp) veniva “trapiantato” in un computer, in Self/less ci si spinge oltre facendo rabbrividire i cultori di bioetica: la mente di un ricco e promettente uomo d’affari non più giovane e malato di cancro in fase terminale è “trasferita” in un altro corpo. Questo film, pur non brillando troppo per inventiva, ha il merito di porre l’uomo (e non una macchina) al centro della trama. Il messaggio è chiaro: ogni individuo è unico e tutte le cellule del complesso organismo umano sono le custodi della memoria storica. Self/less, inoltre, sviluppa temi più pragmatici, come l’amore di un padre verso una figlia malata, e proprio, per l’aspetto sentimentale e drammatico (poco delineato per la verità), ricorda vagamente Sommersby, film del 1993 con Richard Gere nei panni di un fuggiasco che finge di essere un proprietario terriero (suo sosia) che ha conosciuto in prigione. Nel complesso Self/less è un film che – nonostante riesca a intrattenere lo spettatore – non mi ha convinto appieno perché la psicologia dei personaggi principali è solo abbozzata. Il risultato finale è un misto di nuove domande (forse questo si voleva ottenere?) e una leggera insoddisfazione. Si poteva fare meglio!? Voto: (3 / 5)

Self/less – Trailer del film 

 

Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Maria Ianniciello

Maria Ianniciello
Fondatrice di Cultura & Culture. Giornalista, iscritta all'Ordine dei giornalisti della Campania. Naturopata in formazione presso l'Istituto Riza. Laureata in lettere con il massimo dei voti (vecchio ordinamento) presso la Seconda Università di Roma, lavora a tempo pieno da diversi anni nel giornalismo. Ha lavorato con quotidiani e televisioni dell'Irpinia e del Sannio: Valtelesinanews, Buongiorno Irpinia, Telenostra e Ottopagine. Ha collaborato con Paolo Filippi per il programma "Cordialmente" e con Radio Sì di Bruxelles. Dal dicembre 2010 al dicembre 2011 ha diretto la rivista a vocazione territoriale XD Magazine, che esce nelle province di Avellino e Benevento. A dicembre 2010 è uscito il suo primo romanzo "Conflitti" Tra il 2012 e il 2013 escono i primi due quaderni della serie: Le interviste di Maria Ianniciello. Il direttore di Cultura & Culture intervista Aldo Masullo e il fratello di Salvo D'Acquisto, Alessandro. Da gennaio 2016 è naturopata in formazione presso l'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica, presieduto da Raffaele Morelli. Su Cultura & Culture si occupa di benessere e naturopatia con un occhio sempre attento alla cultura. Pratica l'aromaterapia sia in gruppo che individualmente e fa consulti naturopatici.

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI