ROBERTO BENIGNI E LA COSTITUZIONE

@alt62 – Fotolia.com

Grande attesa per Roberto Benigni che questa sera reciterà su Rai Uno in prima serata i primi 12 articoli della Costituzione Italiana, la legge delle leggi.

«Per arrivare a scrivere questa carta, ci sono voluti molti anni. C’è qualcosa che accade nella Costituzione, ma non voglio anticipare nulla, perché svelerò tutto in trasmissione», ha detto Benigni a Vincenzo Mollica. Un evento unico che coincide con uno dei periodi più bui della storia repubblicana (quello attuale) e che precede le elezioni politiche di febbraio, forse proprio per far ricordare agli italiani che la Costituzione Italiana dopotutto è ancora dalla loro parte, nonostante le apologie.

La Costituzione fu approvata dalla Costituente il 27 dicembre 1947 ed entrò in vigore il 1 gennaio 1948. I padri fondatori, da De Gasperi a Togliatti, oltrepassarono le loro ideologie, per unire in una carta comune idee e sogni; solo per il bene di una Nazione che usciva dalla Seconda Guerra Mondiale indebolita e vulnerabile ma che seppe rialzarsi, dando vita in pochi anni al Miracolo Economico Italiano, quando l’economia della Nazione si trasformò da agricola ad industriale.

Questa sera, dunque, Roberto Benigni porterà nelle case degli italiani il testo a cui si dovrebbero ispirare non solo i politici di oggi ma tutti i cittadini degni di questo nome. La Costituzione è infatti un esempio di giustizia, libertà e uguaglianza che supera le differenze di classe e religione per fare di una moltitudine di persone un popolo con una dignità e interessi in comune. Almeno questo era il sogno degli uomini della Costituente che, dopo tanti momenti tragici, volevano risollevare il loro Paese per un futuro migliore; la stessa speranza, che a distanza di 64 anni, anche se in condizioni diverse e meno traumatiche, è ancora nel cuore degli italiani…

Maria Ianniciello

 

Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Maria Ianniciello

Maria Ianniciello
Fondatrice di Cultura & Culture. Giornalista, iscritta all'Ordine dei giornalisti della Campania. Naturopata in formazione presso l'Istituto Riza. Laureata in lettere con il massimo dei voti (vecchio ordinamento) presso la Seconda Università di Roma, lavora a tempo pieno da diversi anni nel giornalismo. Ha lavorato con quotidiani e televisioni dell'Irpinia e del Sannio: Valtelesinanews, Buongiorno Irpinia, Telenostra e Ottopagine. Ha collaborato con Paolo Filippi per il programma "Cordialmente" e con Radio Sì di Bruxelles. Dal dicembre 2010 al dicembre 2011 ha diretto la rivista a vocazione territoriale XD Magazine, che esce nelle province di Avellino e Benevento. A dicembre 2010 è uscito il suo primo romanzo "Conflitti" Tra il 2012 e il 2013 escono i primi due quaderni della serie: Le interviste di Maria Ianniciello. Il direttore di Cultura & Culture intervista Aldo Masullo e il fratello di Salvo D'Acquisto, Alessandro. Da gennaio 2016 è naturopata in formazione presso l'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica, presieduto da Raffaele Morelli. Su Cultura & Culture si occupa di benessere e naturopatia con un occhio sempre attento alla cultura. Pratica l'aromaterapia sia in gruppo che individualmente e fa consulti naturopatici.

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI