Quel momento imbarazzante: Imogen Poots incontra Zac Efron

quel-momento-imbarazzante-trailer-italiano-e-8-locandine-della-commedia-con-zac-efron-2Dopo la breve pausa estiva, le sale cinematografiche nostrane si preparano a sfornare gli ultimi rimasugli di fine stagione. Tra questi Quel Momento Imbarazzante [That Awkward Moment] che vede protagonisti l’ex teen idol Zac Efron, ormai affermato sex symbol e la stella emergente Imogen Poots. Non sono pochi nel cinema i momenti di imbarazzo e questo film ne è la riprova. Innanzitutto è un vero scempio dove vedere la talentuosa attrice inglese, che ha dato prova delle sue capacità nel biopic Jimi – All is by my side (in sala da settembre), sprecata in una commedia prevedibile, priva di umorismo e piena zeppa di cliché. In attesa di vederla nel nuovo film di Terrence Malick, l’attesissimo Knight of Cups, e nel film di Peter Bogdanovich, che verrà presentato in anteprima a Venezia, She’s Funny That Way, bisognerà accontentarsi di vederla qui stretta in un ruolo preconfezionato e svilente. Zac Efron è in piena forma e nel suo habitat naturale come ha già dimostrato nel terribile Cattivi Vicini, al fianco di Seth Rogen. La trama è ambientata a New York e, in tutta la sua banalità, vede tre migliori amici alle prese con dei problemi sentimentali. Stanchi delle continue delusioni si promettono di restare tutti single. La loro principale paura è che dei solidi rapporti d’amore possano annientare la loro personalità e mettere in pericolo la loro fraterna amicizia. Nonostante le apparenze, nessuno dei tre sarà capace di resistere alla tentazione dell’amore, ovviamente dopo una serie interminabile di incomprensioni. Oltre all’improbabile coppia formata da Imogen Poots e Zac Efron, del cast fanno parte anche Michael B. Jordan (Chronicle) e Miles Teller (Project X – Una festa che spacca). I due fanno un indubbio passo indietro rispetto ai ruoli in film di grande qualità come The Spectacular Now e Fruitvale Station.

Zac Efron si cimenta così in un altro ruolo comico dopo essersi scatenato nell’interpretazione di Teddy, il terribile party boy di Cattivi Vicini (in uscita in questi giorni nelle nostre sale). L’ex fidanzatino d’America si è trasformato in un ragazzaccio e dopo una breve parentesi nel cinema indie (At any price di Ramin Bahrani), prima ha sperimentato il cinema provocatorio di Lee Daniels (The Paperboy) e poi è tornato negli schemi con un autore emergente come Peter Landesman (Parkland). Non una performance indimenticabile la sua che al momento sembra voler indirizzare la sua carriera verso film più leggeri. Oltre a scoprire il suo lato comico, Efron ha puntato più di tutto il resto a svestire i suoi addominali scolpiti. Scritto e diretto dall’esordiente Tom Gormican, Quel momento imbarazzante tenta di raccontare senza successo le paure, la vulnerabilità e la timidezza dei giovani della generazione di Facebook nell’affrontare lo sviluppo delle relazioni interpersonali. Non c’è da meravigliarsi se i produttori sono gli stessi di quell’orripilante Comic Movie, che dodici mesi fa passò inosservato sui nostri schermi. Lo schema della screwball romantic comedy tradizionale è fin troppo prevedibile e forse superato, mentre gli equivoci a non finire che si creano tra i tre amici e le ragazze non riescono a rendere piacevole la visione del film nonostante la pur breve durata di 94 minuti. Come se non bastasse, per essere una commedia sentimentale, le scene di sesso ed il romanticismo latitano, lasciando spazio alla noia. Al box-office americano la pellicola si è dimostrata una vera sorpresa incassando 26 milioni di dollari a fronte degli 8 investiti, racimolando complessivamente circa 40 milioni di dollari nel resto del mondo. Quel momento imbarazzante, distribuito da Notorious Pictures, uscirà nelle nostre sale il prossimo 28 agosto.

Il trailer: http://youtu.be/gpjH2Uyk-z0

Rosa Maiuccaro

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Rosa Maiuccaro

Appassionata di cultura, sport e scrittura fin dalla tenera età, sto lavorando affinché le mie passioni possano diventare un lavoro a tempo pieno. Come diceva Confucio: "Scegli il lavoro che ami e non lavorerai mai, neanche per un giorno in tutta la tua vita". Il cinema, la lettura, il teatro e la danza mi hanno cambiato la vita. Ho scoperto un mondo in cui non ci si sentiva mai soli e dove era possibile essere davvero se stessi. Tramite la mia scrittura, tento di dare accesso a quel mondo favoloso al maggior numero di persone possibili. Per il resto, come sosteneva Fellini, è la curiosità che mi fa svegliare la mattina.

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI