Pena di morte, in Arabia Saudita 8 esecuzioni in un giorno
17 marzo 2013
Redazione (4050 articles)
Share

Pena di morte, in Arabia Saudita 8 esecuzioni in un giorno

250px-Sa-mapIl 13 marzo scorso sono stati giustiziati in Arabia Saudita otto uomini. A comunicarlo con una nota l’Associazione Nessuno Tocchi Caino. Nel comunicato si legge che un plotone di esecuzione ha giustiziato in pubblico i primi sette uomini, riconosciuti colpevoli di rapina a mano armata, nonostante gli appelli dell’ultimo minuto lanciati da gruppi per i diritti affinché le loro vite fossero risparmiate. A renderlo noto il Ministero degli Interni e un testimone.

«I sette erano stati giudicati colpevoli di formazione di una banda che ha effettuato numerose rapine a mano armata e furti con l’aiuto di altre persone», ha detto il Ministero in un comunicato diffuso dall’agenzia di stampa ufficiale SPA. «Sono stati giustiziati come punizione per loro e per scoraggiare altri dal commettere crimini simili», ha detto la SPA, aggiungendo che i complici sono stati condannati a pene detentive di diversa durata e alle frustate. Un testimone ha detto alla AFP per telefono che «l’esecuzione è stata effettuata poco fa in una piazza pubblica a Abha», aggiungendo che gli imputati sono stati fucilati e non decapitati come è consuetudine nel Regno. L’annuncio è arrivato subito dopo che Amnesty International aveva nuovamente invitato le autorità saudite a fermare le esecuzioni. «Sembrano destinati ad essere giustiziati mercoledì (13 marzo) mattina», aveva detto Amnesty, che ha descritto le esecuzioni come “pura brutalità”.

I sette uomini – Al Sarhan Mashaikh, Saeed Al Zahrani, Ali Al Shahri, Nasser Al Qahtani, Saeed Al Shahrani, Abdulaziz Al Amri e Ali Al Qahtani – erano stati accusati di organizzazione di un gruppo criminale, rapina a mano armata e assalto ad una gioielleria nel 2005, e condannati a morte nel 2009. Gruppi Internazionali per i diritti umani hanno denunciato che i sette – di età compresa tra 20 e 24 anni, secondo il sito di news sabq.org – erano stati condannati per crimini commessi quando erano ancora minorenni. «E`un giorno di sangue quello in cui un governo giustizia sette persone sulla base di confessioni ottenute sotto tortura, presentate in un processo in cui non avevano rappresentanza legale o il ricorso in appello», ha detto Philip Luther, di Amnesty. Avevano detto che i loro parenti erano stati minacciati di tortura, se avessero ritirato le confessioni, ha aggiunto Amnesty. In un primo momento dovevano essere messi a morte il 5 marzo, ma le loro esecuzioni sono state rinviate di settimana. Le esecuzioni in Arabia Saudita, che applica una interpretazione rigida della legge islamica della Sharia, sono generalmente effettuate per decapitazione, ma i media locali hanno scritto che le autorità stanno pensando di utilizzare plotoni per le fucilazioni a causa della mancanza di boia con la spada. L’ottavo uomo è stato giustiziato nella regione di La Mecca, dopo essere stato giudicato colpevole di omicidio. Si tratta del saudita Fada al-Subaie, riporta l’agenzia di stampa ufficiale Spa, senza precisare il metodo con cui è stato giustiziato.

Redazione

Redazione

Impaginazione, revisione, scrittura e pubblicazione sono a cura della redazione che decide cosa pubblicare e cosa non pubblicare, secondo la linea editoriale tracciata dal direttore! Sede operativa redazione: via Angelo Antonio Minichiello, 83035 Grottaminarda (Avellino) info@culturaeculture.it - Tel. 0825 426543

Commenti

Ancora nessun commento. Puoi essere il primo a commentare!

Scrivi un commento

Solo gli utenti registrati possono commentare.