Padri e figlie: trailer, trama e recensione del film di Muccino

Padri e figlie, recensione e trama

padri-e-figlie

Gioca con le emozioni Gabriele Muccino nel film “Padri e figlie”, una pellicola coinvolgente, drammatica ed emotivamente instabile come le vicissitudini di Kate, bambina (Kylie Rogers) che la macchina da presa ci restituisce donna (Amanda Seyfried) con degli ottimi flash back che non disorientano lo spettatore. Il regista italiano ci conduce tra il detto e il non detto, tra i sintomi di una malattia e tra parole urlate con disperazione, a volte con rabbia. Gabriele Muccino parla al cuore dei padri, costretti a fare tanti sacrifici da un sistema che dà valore solo al business, a discapito della creatività, ma si cala bene anche nei panni delle figlie che diventano donne e costruiscono le loro storie d’amore sulle ceneri di un rapporto antico. Dall’energia paterna, queste eteree creature prendono fiducia e forza per esprimere nella società il loro modo di Essere. In “Padri e figlie”, Gabriele Muccino si avvale del talento indiscusso di Russell Crowe che interpreta di nuovo – dopo The Water Diviner – un padre disperato. Jake Davis (questo il suo nome) rischia di perdere la sua “patatina” a causa di una grave malattia, che gli sta prosciugando le finanze, e di parenti arroganti, prevenuti e risentiti. Crowe in questo film è uno scrittore famoso, vincitore del premio Pulitzer, che promette a sua figlia – già traumatizzata dalla perdita della madre – di non abbandonarla mai. padri-e-figlieAllora, che cosa accade a una bambina quando una promessa importante non può essere mantenuta? Gabriele Muccino ricerca gli effetti di alcune azioni e parole partendo dalle cause. La sua macchina da presa si muove agile, compulsiva, con intelligenza e lucidità dalla quale trasudano forza e coraggio che attraversano lo schermo per giungere fino a noi… spettatori annichiliti da un dramma vissuto però da Jake con dignità e da Kate con la voglia di continuare a vivere nonostante l’abbandono; la splendida Amanda Seyfried è a suo agio in una parte non proprio facile. L’attrice, nel ruolo di Kate/donna, è in “Padri e figlie” un’assistente sociale alle prese con una bambina  abbandonata dai genitori che le fa in un certo senso da specchio, forse per ridarle quell’equilibrio di cui ha tanto bisogno. Lontano dall’atmosfera sognante, anche se non meno drammatica, de La ricerca della felicità, Muccino continua a coinvolgerci con un po’ di pessimismo in più (nei confronti della società americana?) per mettere in primo piano ancora una volta una verità sconvolgente, indagando tra le pieghe di rapporti umani non sempre facili e tra i meandri di malattie incurabili che richiedono scelte coraggiose. Voto: 4 out of 5 stars (4 / 5)

Padri e figlie, trailer

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Maria Ianniciello

Maria Ianniciello
Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Ho una laurea in Lettere e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline, curo dal 2008 il portale www.culturaeculture.it, da me fondato. In Cultura & Culture dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per questo lavoro (il giornalismo intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione. Oggi mi dedico come giornalista ai libri e al cinema in Cultura & Culture e sul mio canale YouTube Marica Movie and Books.

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI