Nuova grafica, nuovo progetto, nuova vita

Tutto muta. Tutto cambia. Tutto scorre. I numerosi lettori di Cultura & Culture si sono abituati ai cambiamenti. Infatti, il progetto – nato come blog personale nel 2008 – è diventato nel 2012 testata giornalistica. Nel corso degli anni ha acquisto sempre più popolarità ma qualcosa è cambiato in chi lo ha creato. Ho cominciato a capire che le pressioni, poste dalla fama che la Testata stava acquisendo in tutta Italia, non mi confacevano. Niente di eclatante, sia inteso, ma i miei ritmi erano cambiati e, dopo una pausa di riflessione, durata qualche mese, nel corso dei quali abbiamo interrotto le pubblicazioni, è cominciata a maturare l’idea in me che il progetto doveva assumere una nuova sembianza in linea con l’idea iniziale e in sintonia con la mia natura. Non volevo perdere il lavoro fatto. Non mi sembrava giusto e la cosa mi faceva stare alquanto male. Come avete potuto vedere ho cambiato la grafica del sito in modo che abbia un aspetto più pulito e più femminile. Ci sono tanti aggiustamenti da fare ma la mia attenzione più che sulla forma verterà sulla sostanza, cioè sui contenuti. Scriverò in prima persona e, facendo tesoro dell’esperienza maturata, cercherò di dare il meglio di me come ho sempre fatto. E terrò sempre la porta abbastanza aperta per quei professionisti che vorranno pubblicare i loro articoli su Cultura & Culture.

Questi cambiamenti coincidono con una fase alquanto importante della mia vita. Sto per diventare mamma e, quindi, tutto il mio essere già sta creando una sorta di equilibrio affinché io possa crescere il mio piccolo Emanuele senza mai dimenticare la donna e la lavoratrice che vivono in me e alle quali sto dedicando parte delle mie energie. Ho sempre pensato che una mamma felice sia molto più producente di una mamma triste, frustrata… depressa e allora in questi sette mesi e mezzo (ebbene sì, manca un mese e mezzo al parto) mi sono impegnata tanto. Cultura & Culture fa parte di me, è il mio bambino. Di cosa mi occuperò? Di quelli che sono sempre stati i miei grandi interessi: il cinema, i libri e l’arte con qualche articolo di attualità. Ma scriverò soprattutto di benessere e naturopatia. A novembre mi diplomo presso la Scuola di Naturopatia dell’Istituto Riza. Pratico l’aromaterapia e coniugo diverse tecniche agendo molto sullo stile di vita dei miei clienti. Quindi, vi darò tante informazioni con una serie di articoli e video sulla natura e sulle culture, a cui io mi ispiro. Buona lettura e a prestissimo.

Maria Ianniciello

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Maria Ianniciello

Maria Ianniciello
Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Ho una laurea in Lettere e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline, curo dal 2008 il portale www.culturaeculture.it, da me fondato. In Cultura & Culture dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per questo lavoro (il giornalismo intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione. Oggi mi dedico come giornalista ai libri e al cinema in Cultura & Culture e sul mio canale YouTube Marica Movie and Books.

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI