Niccolò Agliardi e Braccialetti Rossi: così il bene si avvera

La recensione de Il bene si avvera (ci sono anche io) di Niccolò Agliardi, che firma la nuova colonna sonora di Braccialetti Rossi, la serie tv.

 

Niccolò AgliardiDopo lo straordinario successo di critica e di ascolti della passata stagione, “Braccialetti Rossi” è pronta a stupire, divertire e commuovere ancora milioni e milioni di spettatori. La celebre serie televisiva targata Rai Uno tornerà, infatti, in onda il prossimo 15 febbraio con nuovi entusiasmanti episodi. Come lo scorso anno, il cantautore e direttore artistico Niccolò Agliardi ne firma la colonna sonora. Sulla scia della splendida “Io non ho finito” (uno dei brani simbolo della prima serie), l’artista milanese regala una nuova canzone, accompagnato dai protagonisti di “Braccialetti Rossi”.

Dal 16 gennaio è in rotazione radiofonica “Il bene si avvera (Ci sono anch’io)”, nuovo singolo di Niccolò Agliardi (Carosello Records). Un pezzo pieno di vita, capace di coinvolgere chi lo ascolta grazie al suono allegro e festoso delle chitarre e a un testo dolce e immediato che infonde fiducia e speranza. “Ho corso per tutta la notte per dirti che il buio è diverso dal vuoto…”, canta Niccolò. Il titolo lancia un chiaro messaggio di consapevolezza e lucidità: non importa cosa ti sia capitato, non badare alla sfortuna e al male che ti avvolgono stretti quasi a soffocarti. L’essenziale è combattere, a denti stretti, senza arrendersi mai. E grida forte, più che puoi, piangi se occorre, non vergognarti di chiedere aiuto al prossimo. Circondati di persone amiche, “di quelli che stanno davvero con te”. Per vincere insieme ogni battaglia.

Agliardi Niccolò“Il bene si avvera” è un sogno che diventa realtà. E’ la forza di superare le avversità, la malattia, la tristezza e l’odio nei confronti di un destino ingiusto e traditore. Niccolò Agliardi qui mostra ancora una volta il suo essere raffinato autore e interprete di poesie musicate. Non lo scopriamo oggi, eppure ci sorprende per la semplicità con la quale riesce a tradurre, in note e parole, sensazioni, aspettative, illusioni, pensieri ed emozioni di chi, sulla propria pelle, vive la quotidianità del dolore e della sofferenza.

Ci sono anch’io, mi porto due lacrime scese in ritardo. La strada più breve s’impara al ritorno…”, recita il testo della nuova canzone. Niccolò Agliardi fa sentire la propria presenza, rassicura l’amico e gli promette che non sarà mai solo a giocare la sua partita contro la malattia (“ci sono anch’io ai bordi del campo, ad alzare un saluto…”). Insieme, staranno sotto la “pioggia scura”, bagnati di “rabbia, freddo e amore”, per ore e ore, consapevoli che presto qualcosa cambierà e che la ruota girerà nel verso giusto.

Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti

Niccolo Agliardi e Braccialetti Rossi Il Bene si avveraNon sai quanta bellezza sta negli occhi disperati stropicciati come te….” è un passaggio chiave de “Il bene si avvera”. Una frase che riempie di magia tutto il brano, perché trasuda verità e ci aiuta a vedere oltre il nero della notte, a tramutare le spine in perle, a cogliere un fiore di ottimismo in un campo incolto, come fosse respiro di vita.

“Il bene si avvera (ci sono anch’io)” è un concerto allegro che risuona in onore dell’amicizia e dell’amore. Non gettare la spugna, non camminare da solo, ma afferra la mano di chi vuole essere tuo compagno di viaggio. Anche il video del nuovo singolo di Niccolò Agliardi è particolarmente ricco di metafore e di messaggi positivi. Come la scena girata al parco dei divertimenti, con i ragazzi di Braccialetti Rossi sulle montagne russe, a rappresentare gli alti e i bassi che la malattia e la vita comportano. E poi la pioggia, il cielo che piange e bagna i volti dei giovani protagonisti della clip e della serie televisiva. Non si è mai soli, neanche quando gli occhi si esprimono davanti a uno specchio, e l’anima ferita urla di rabbia. “Non smettere affatto di piangere adesso, che il mondo ti vede…e il bene si avvera” canta Niccolò Agliardi, sorridente e divertito insieme a tutti i ragazzi della fiction diretta da Giacomo Campiotti.

Niccolò Agliardi, che in carriera ha suonato e cantato per il Papa, davanti al Presidente della Repubblica, ma anche nelle scuole, negli ospedali e in molti altri luoghi “inusuali”, ama confrontarsi con le persone più sensibili e speciali. L’artista 40enne coglie ancora una volta l’occasione per dimostrarci non soltanto il suo grande talento artistico, ma anche e soprattutto la sua profonda umanità. Niccolò si è lasciato coinvolgere completamente dall’esperienza di “Braccialetti Rossi” e dalla forza che il gruppo ha sprigionato in due anni di duro lavoro e di sincera amicizia. Perché è solo parlando con il cuore, con semplicità e onestà, che il bene si avvera davvero.

Silvia Marchetti

 

 

 

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Silvia Marchetti

Silvia Marchetti
Silvia Marchetti, nata a Mirandola (Modena) nel 1981, è giornalista pubblicista e web designer. Laureata in Scienze Politiche presso l’Università di Bologna, si occupa da anni di Cultura e Spettacoli, pubblicando articoli, recensioni e interviste relative al mondo del teatro, del cinema e, in particolare, della musica. Tra le sue passioni, la buona cucina, i concerti, la moda e Milano, città in cui ha deciso di vivere.

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI