Morta Laura Antonelli: i film, il successo… la solitudine

E`morta Laura Antonelli a Ladispoli all’età di 73 anni. Noi le rendiamo omaggio, ricordando con il cuore tutti gli artisti condannati all’oblio da una società codarda e materialista. Ricordiamo Laura Antonelli attraverso i suoi numerosi film. 

"200907281657 ARCJHCIQNHM provenienza CentroDocumentazione 1"

La solitudine schiaccia il pensiero e annichilisce lo spirito di molti personaggi del mondo dello spettacolo e della cultura, soprattutto donne, che – in lotta tra il desiderio dell’anima di esistere ed espandersi per ciò che si è e la spinta propulsiva dell’Ego sociale ed individuale di apparire per come la società li vuole – cadono nel baratro della depressione e della droga. Alcuni riescono, con il trascorrere degli anni a reinventarsi e a risollevarsi, togliendosi una delle tante maschere pirandelliane, che coprono il vero volto, mai mostrato. Altri purtroppo soccombono. Vittime dei loro stessi personaggi, restano incastrati in stereotipi ma, se qualcuno guardasse oltre, scoprirebbe un cuore pulsante che ha ancora molto da offrire, da dire, da fare. Anime nobili eppure così fragili ma non per questo meno degne di creare, di esistere. Poi… un giorno di un anno qualunque ci si ricorda di loro per annunciarne la morte. E` successo ad Anita Ekberg l’11 gennaio 2015 e oggi a Laura Antonelli, morta a 73 anni nella sua casa di Ladispoli, in solitudine. Lei, che con i suoi personaggi aveva fatto sognare gli italiani in film come Malizia di Salvatore Samperi. Nella commedia del 1973, su musiche di Tony Dallara, Laura Antonelli è una cameriera che fa perdere la testa a un commerciante siciliano. La giovane attrice, all’apice della sua bellezza, fu fotografata da Vittorio Storaro. Il 1973 fu anche l’anno di Sessomatto, film a episodi diretto da Dino Risi, con Giancarlo Giannini.

laura-antonelli-morta

Dal 1966 al 1991 il volto di Laura Antonelli apparve in numerose pellicole; come non ricordare Casta e pura, La Venexiana, La Gabbia, Grandi Magazzini o Roba da Ricchi con Paolo Villaggio e Renato Pozzetto? Laura Antonelli per oltre vent’anni fu un’icona sexy per molti, con il suo volto perfetto e il suo sguardo malizioso, ma tutto questo non riuscì a evitarle l’oblio che si è interrotto oggi, quando la sua morte ha lasciato tutti interdetti. Dell’attrice oggi non ricordiamo le vicende giudiziarie o l’intervento di chirurgia estetica bensì la sua arte visibile attraverso i personaggi dei suoi numerosi film, quelli mai dimenticati.

Laura Antonelli, il film Malizia

Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Maria Ianniciello

Maria Ianniciello
Fondatrice di Cultura & Culture. Giornalista, iscritta all'Ordine dei giornalisti della Campania. Naturopata in formazione presso l'Istituto Riza. Laureata in lettere con il massimo dei voti (vecchio ordinamento) presso la Seconda Università di Roma, lavora a tempo pieno da diversi anni nel giornalismo. Ha lavorato con quotidiani e televisioni dell'Irpinia e del Sannio: Valtelesinanews, Buongiorno Irpinia, Telenostra e Ottopagine. Ha collaborato con Paolo Filippi per il programma "Cordialmente" e con Radio Sì di Bruxelles. Dal dicembre 2010 al dicembre 2011 ha diretto la rivista a vocazione territoriale XD Magazine, che esce nelle province di Avellino e Benevento. A dicembre 2010 è uscito il suo primo romanzo "Conflitti" Tra il 2012 e il 2013 escono i primi due quaderni della serie: Le interviste di Maria Ianniciello. Il direttore di Cultura & Culture intervista Aldo Masullo e il fratello di Salvo D'Acquisto, Alessandro. Da gennaio 2016 è naturopata in formazione presso l'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica, presieduto da Raffaele Morelli. Su Cultura & Culture si occupa di benessere e naturopatia con un occhio sempre attento alla cultura. Pratica l'aromaterapia sia in gruppo che individualmente e fa consulti naturopatici.

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI