Lino D’Angiò è al Teatro Totò: l’intervista

Intervista a Lino D’Angiò, in scena al Teatro Totò di Napoli con “Revolushow… Vota D’Angiò sindaco”
Lino D’Angiò è un artista poliedrico che fa ridere ma con gusto. Nei suoi spettacoli l’attore racconta Napoli. Lo fa naturalmente con una vena comica, che si tinge di sarcasmo, e imitando molti personaggi partenopei. D’Angiò ha sempre avuto l’ossessione per i sindaci, tanto che dopo il successo di “Da grande voglio fare il sindaco”, si propone come primo cittadino con una performance diversa dal solito, perché il trasformista napoletano scende in campo in prima persona. L’allestimento andrà in scena al Teatro Totò di Napoli dal 10 al 20 marzo 2016; si tratta di un vero e proprio comizio, che – come spiega il protagonista – farà riflettere. Già il titolo promette bene; lo spettacolo s’intitola, infatti, “Revolushow… Vota D’Angiò sindaco”. «Ho imitato molti politici campani, quali Bassolino, Iervolino, De Luca, De Magistris – dice a Cultura & Culture -. Ho avuto sempre una certa predilezione per i sindaci e, dopo tanti anni di imitazioni, posso ormai candidarmi come primo cittadino della mia città. Nell’arco di due ore dovrò convincere l’elettorato a votarmi; in particolare mediante monologhi e personalità note dovrò dimostrare di conoscere la materia “Napoli”».

lino-d-angio-teatro-toto-intervista

Quando gli chiediamo di definire la città con un aggettivo Lino D’Angiò dice: «Per me è “napolosa”, cioè più che favolosa, così magari divento anch’io famoso come Matteo (il bimbo noto per aver coniato il termine “petaloso”, ndr)». Poi aggiunge: «Napoli è talmente importante, che non si rende conto di quanto lo sia, un po’ per colpa dei cittadini che fanno sempre dei paragoni con altre località; credo che non ce ne sia bisogno. Abbiamo una storia e una cultura secolare e trovo assurdo questo complesso d’inferiorità – afferma -. E` pur vero che siamo prigionieri della nostra tradizione, come accade per il teatro classico, che è talmente imponente da nascondere tutto ciò che è moderno, come per esempio gli spettacoli di Mimmo Borrelli, drammaturgo noto in tutto il mondo che scrive in dialetto ma che a Napoli non conosciamo». E per quanto riguarda il “sorriso” Lino D’Angiò sostiene: «Non si può ridere dalla mattina alla sera; rischiamo di assuefarci, a volte è importante anche realizzare qualcosa di alternativo e da questo concetto nasce il titolo “Revolushow… Vota D’Angiò sindaco”. Oggi è difficile, nonostante i tanti mezzi che abbiamo, fare la rivoluzione, perché siamo schiavi dei social. Ognuno di noi dovrebbe essere un po’ sindaco vigilando sulla propria città e guardandosi dentro». Per altre info su “Revolushow… Vota D’Angiò sindaco” puoi telefonare il botteghino: 0815647525. Il Teatro Totò è in via Frediano Cavara, 12/e.

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Maria Ianniciello

Maria Ianniciello
Naturopata ad indirizzo psicosomatico. Aromaterapeuta. Diplomata in Naturopatia presso l'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica. Lavora sia in gruppo che individualmente con consulenze naturopatiche e sedute di aromaterapia. Giornalista pubblicista. Scrive di benessere, aromaterapia, motivazione al femminile, LifeStyle. Ama la Cultura, in particolare il cinema. Lettrice vorace. Si è laureata in Lettere nel 2005 presso la Seconda Università di Roma con il massimo dei voti.

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI