La Scelta: trailer e recensione del film di Michele Placido

La Scelta, il film di Michele Placido, è al cinema dal 2 aprile 2015. Nel cast Raoul Bova e Ambra Angiolini. Qui il trailer, la trama e la recensione della pellicola. 

Voto: (3,5 / 5)

la-scelta-trailer-recensione-film-michele-placido«Giorgio, sono in ritardo con il ciclo. Sono passati quindici giorni, aspetto un bambino», sussurra Laura, distesa sul letto accanto al marito. E` notte. La stanza è nella penombra. Giorgio sembra stia dormendo. Apre gli occhi. Parte la musica e pian piano quel piccolo accenno di entusiasmo, che s’intravede sul volto dell’uomo, cala fino a esaurirsi in un pianto disperato. Questa è una delle scene più commoventi de “La scelta”, il film di Michele Placido. Il regista e attore pugliese sceglie di farci attraversare lo spartiacque che separa il prima e il dopo. E lo fa con una carrellata che ci avvicina, un po’ per volta, al punto di vista di Laura. Siamo distesi con lei in quel lugubre quartiere di Bisceglie. Soffriamo con lei, atterriti per quel che le può ancora accadere.

la-scelta-michele-placidoAvevamo conosciuto alcuni dettagli della sua vita prima della violenza per poi essere calati in un labirinto di pensieri sottaciuti, frasi non dette, e parole urlate. Capiamo Giorgio e la sua angoscia, ma al contempo gli occhi di Laura ci colpiscono nel profondo, come non ci lasciano indifferenti gli sguardi patetici dei familiari della protagonista, in particolare della mamma e della sorella Francesca. Ne La scelta Michele Placido (che nel film è il maresciallo dei Carabinieri, Emilio Nicotri) non esprime giudizi, non può farlo. Liberamente ispirata alla pièce l’Incesto di Luigi Pirandello, questa pellicola ha il taglio del documentario e l’intensità narrativa del romanzo. La fotografia di Arnaldo Catinari ci fa anche conoscere il contesto in cui si sviluppa l’azione; i primissimi piani e in generale le immagini girate con macchina a mano ci accostano a sensazioni e stati d’animo.

Laura dovrà fare una scelta di vita anche in nome dell’amore che prova per Giorgio. Bravi Ambra Angiolini e Raoul Bova nel calarsi nei panni di questi due complessi personaggi nati dalla penna di Luigi Pirandello e riadattati, come del resto tutta la trama della pièce, per il grande schermo da Giulia Calenda e Michele Placido. Il pubblico di oggi, rispetto ai tempi di Pirandello, per fortuna, può capire senza giudicare, né scandalizzarsi. La coppia che al cinema sul finale si abbracciava piangendo la dice lunga sul messaggio positivo di questo film.

Trailer de La scelta

Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti

 

Maria Ianniciello

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Maria Ianniciello

Maria Ianniciello
Fondatrice di Cultura & Culture. Giornalista, iscritta all'Ordine dei giornalisti della Campania. Naturopata in formazione presso l'Istituto Riza. Laureata in lettere con il massimo dei voti (vecchio ordinamento) presso la Seconda Università di Roma, lavora a tempo pieno da diversi anni nel giornalismo. Ha lavorato con quotidiani e televisioni dell'Irpinia e del Sannio: Valtelesinanews, Buongiorno Irpinia, Telenostra e Ottopagine. Ha collaborato con Paolo Filippi per il programma "Cordialmente" e con Radio Sì di Bruxelles. Dal dicembre 2010 al dicembre 2011 ha diretto la rivista a vocazione territoriale XD Magazine, che esce nelle province di Avellino e Benevento. A dicembre 2010 è uscito il suo primo romanzo "Conflitti" Tra il 2012 e il 2013 escono i primi due quaderni della serie: Le interviste di Maria Ianniciello. Il direttore di Cultura & Culture intervista Aldo Masullo e il fratello di Salvo D'Acquisto, Alessandro. Da gennaio 2016 è naturopata in formazione presso l'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica, presieduto da Raffaele Morelli. Su Cultura & Culture si occupa di benessere e naturopatia con un occhio sempre attento alla cultura. Pratica l'aromaterapia sia in gruppo che individualmente e fa consulti naturopatici.

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI