Giulietta e Romeo, che magia con il Balletto di Roma!

A trent’anni di distanza dal primo allestimento, il coreografo Fabrizio Monteverde riprende per il Balletto di Roma Giulietta e Romeo, un fortunato titolo del repertorio della compagnia che, dopo il debutto bolognese dello scorso 25 febbraio, è atteso in diverse piazze italiane. Non tradendo il testo originale di William Shakespeare e la celebre partitura di Sergej Sergeevič Prokof’ev, Monteverde ambienta la vicenda dei due amanti veronesi in un altro luogo e in un’altra epoca. Il tempo di Giulietta e Romeo è quello che segue al Secondo conflitto mondiale ma sono pochi gli elementi che guidano lo spettatore nel nuovo inquadramento storico. A fare da sfondo alle passioni messe in scena dal Balletto di Roma c’è solo un muro che con la sua grigia imponenza rappresenta silenzioso il male, appena seminato dalla guerra, e l’odio tra le famiglie Capuleti e Montecchi. La scenografia volutamente scarna lascia grande spazio alle nuove coreografie che i danzatori sembrano calzare a pennello.

giulietta-e-romeo

Azzurra Schena è Giulietta, in lei sembrano reincarnarsi le caratteristiche della protagonista, grazia, leggiadria, passione e carattere; quest’ultimo tratto viene qui particolarmente accentuato, lo si riscontra a partire dal titolo della rivisitazione che antepone il nome di Giulietta a quello di Romeo. Tutte le donne hanno qui un ruolo di grande importanza, oltre a Giulietta, infatti, anche le madri dei due amanti sono fortemente caratterizzate: Lady Montecchi viene rappresentata come una finta paralitica che da una sedia a rotelle governa gli animi e istruisce alla vendetta e Lady Capuleti, al contrario, punta tutto sulla sua manifesta bellezza. Il ruolo di Romeo è affidato a Luca Pannacci, talentuoso ballerino in perfetta sintonia con Azzurra Schena. Affiatato tutto il corpo di ballo che eccelle in precisione tecnica e pathos; di forte impatto emotivo le scene corali del ballo in maschera e dell’uccisione di Mercuzio e Tebaldo.

I giochi di luce del light designer Emanuele De Maria tracciano percorsi, indicano vie e colorano il cielo delle diverse fasi delle giornate che scorrono e le tinte dei costumi segnano l’appartenenza alle due famiglie in lotta. Fondato nel 1960 e diretto da Roberto Casarotto, il Balletto di Roma con Giulietta e Romeo dà ulteriore prova della sua autorevolezza. Nella tragedia shakespeariana di Fabrizio Monteverde lo sviluppo dei fatti ha un’insolita ambientazione e i caratteri dei personaggi acquistano ulteriori sfumature; si fa strada una nuova chiave di lettura di una delle opere più riprese e riadattate nel tempo da tutte le arti che forse, in fondo, custodisce un messaggio di speranza affidato alla nicchia che in scena, fioca, illumina un angolo del muro gigantesco.

 

Commenti

commenti

Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti

Autore dell'articolo: Elisabetta Severino

Elisabetta Severino
Elisabetta Severino, originaria di Lecce e bolognese d’adozione, ha studiato Lettere Moderne per seguire le sue più grandi passioni: la letteratura e la scrittura. Ha collaborato con diverse redazioni e radio e attualmente lavora come Ufficio Stampa in un teatro, ambiente vivo e stimolante. Dopo aver vissuto a 360° l’esperienza dell’Erasmus in Francia durante il periodo universitario non ha mai smesso di viaggiare curiosando qua e là per l’Europa e oltre i suoi confini. La città in cui non si stanca mai di ritornare? Parigi!

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI