11 gennaio 2013
Redazione (4056 articles)
Share

FIBROSI CISTICA, UN DELEGATO IN CALABRIA

© gekaskr – Fotolia.com

Il Ministero dell’Istruzione ha accolto le richieste della vicepresidente della Lega Italiana Fibrosi Cistica (LIFC), Silvana Mattia Colombi, e del presidente della LIFC Calabria, Michele Rotella, che avevano invitato il Ministro Profumo a risolvere la situazione del piccolo Luigi, il bimbo di Montepaone (Catanzaro) affetto da Fibrosi Cistica, a cui era stata rifiutata l’iscrizione in una scuola dell’Infanzia del posto.

A seguito delle riunioni intercorse al Ministero, alla presenza dei vertici della Lega e della madre del bambino, si è deciso di inviare un delegato del Ministero dell’Istruzione a Montepaone, affinché il bimbo venga inserito a scuola nella maniera più serena possibile, secondo le sue richieste ed evitando problemi pratici in accordo con l’amministrazione.

Gli incontri al Ministero hanno inoltre rappresentato l’occasione per mettere a fuoco altre questioni relative alla patologia, come la somministrazione dei farmaci a scuola e la carente conoscenza della FC in Italia. Un protocollo relativo a quest’ultimo tema e già attivato nel 2008 sarà rinnovato, al fine di sensibilizzare tutti gli studenti italiani. Il Ministero dell’Istruzione è stato altresì solerte nell’accordare il suo sostegno a LIFC per le ulteriori campagne di sensibilizzazione che la Lega organizzerà.

Per quanto riguarda invece la somministrazione dei farmaci a scuola, sarà riunito un tavolo di lavoro per procedere a stilare un protocollo che sia allargato anche alle altre patologie che ne comportano la necessità. Tale protocollo dovrà passare al vaglio della Conferenza Stato-Regioni.

«Siamo molto soddisfatti di sapere che anche la scuola stia dimostrando la volontà di risolvere il problema – ha dichiarato Franco Berti, Presidente LIFC. – Questo ci permette di affrontare, partendo da tale episodio, problemi più ampi che riguardano tutti i nostri pazienti e di lavorare affinché eventi come questo non si verifichino più. Grazie al coraggio della mamma di Luigi siamo riusciti a portare all’attenzione delle istituzioni problematiche pendenti più ampie, come ad esempio quella relativa alla somministrazione dei farmaci a scuola, al fine di correggerle definitivamente». A esprimere la propria soddisfazione anche la madre di Luigi che afferma: «Sono contenta per l’intervento del Ministero, grazie al quale mio figlio potrà frequentare l’asilo nella maniera più serena possibile ed essere ben accolto da tutti gli altri bambini. Inoltre ringrazio la LIFC e la LIFC Calabria per il sostegno accordatomi: senza di loro non ce l’avrei fatta».

 

Redazione

Redazione

Impaginazione, revisione, scrittura e pubblicazione sono a cura della redazione che decide cosa pubblicare e cosa non pubblicare, secondo la linea editoriale tracciata dal direttore! Sede operativa redazione: via Angelo Antonio Minichiello, 83035 Grottaminarda (Avellino) info@culturaeculture.it - Tel. 0825 426543

Commenti

Ancora nessun commento. Puoi essere il primo a commentare!

Scrivi un commento

Solo gli utenti registrati possono commentare.