ELEZIONI VENEZUELA, DECISIVI SARANNO “I NON ALLINEATI”

Carcas – © HappyAlex – Fotolia.com

 

Ciò che è accaduto e accade in Venezuela non è dato saperlo con assoluta certezza, perché molti sono gli interessi dei cosiddetti Paesi “sviluppati”. Quindi vige spesso un clima di silenzio e omertà. L’economia venezuelana è troppo legata alle importazioni. Basti pensare che, nonostante la presenza di ricchi giacimenti petroliferi, anche la benzina raffinata rientra in quell’80 per cento dei prodotti importati. Il Venezuela è povero e lo Stato sta nazionalizzando quasi tutto, se non tutto! Sono cresciuti a dismisura la burocrazia, l’impiego statale e anche purtroppo il clima di violenza che si respira nel Paese, soprattutto nelle grandi città come la capitale, Caracas. L’inflazione è la più alta del sub continente, il denaro pubblico si sperpera, i venezuelani non possono cambiare più di 400 dollari all’anno e se viaggiano all’Estero possono usufruire di una carta statale con 2500 dollari. Le imprese, per fare qualsiasi cosa, devono essere autorizzate dal Governo. Come scrive il quotidiano “La Repubblica” nel numero di ieri, il presidente uscente Hugo Chàvez gestisce in assoluta solitudine gli investimenti stranieri, stipulando accordi con Cina, Libia, Siria, Bielorussia e Iran. Questi Paesi versano milioni di dollari al Venezuela in cambio di forniture di greggio e gas.

Domenica, 7 ottobre 2012, si andrà a votare. Il presidente uscente, Chàvez, si scontrerà con Henrique Capriles, il quale nella sua ultima uscita pubblica ha letteralmente conquistato Caracas. I sondaggi non danno alcuna certezza sul responso, ma a decidere le sorti del Venezuela saranno gli indecisi, cioè coloro che rifiutano la polarizzazione politica e le etichette. Gli indecisi o meglio i “non allineati” vivono nelle zone più povere del Paese e sono discriminati, ma il loro voto avrà un peso: loro non credono più alle parole, sono ormai annichiliti dagli scontri e da una campagna elettorale che si combatte all’ultimo sangue non solo per le strade ma anche e soprattutto sui social network, fra cui prevale Twitter. Capriles si mostra più agguerrito del presidente uscente, il quale sembra stia lottando, secondo indiscrezioni, contro un cancro incurabile.

Insomma, la posta in gioco in Venenzuela è troppo elevata, quindi i riflettori di tutto il mondo si sono alzati sulle elezioni del 7 ottobre. Non ci resta dunque che attendere…

Maria Iannciello

 

Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Maria Ianniciello

Maria Ianniciello
Fondatrice di Cultura & Culture. Giornalista, iscritta all'Ordine dei giornalisti della Campania. Naturopata in formazione presso l'Istituto Riza. Laureata in lettere con il massimo dei voti (vecchio ordinamento) presso la Seconda Università di Roma, lavora a tempo pieno da diversi anni nel giornalismo. Ha lavorato con quotidiani e televisioni dell'Irpinia e del Sannio: Valtelesinanews, Buongiorno Irpinia, Telenostra e Ottopagine. Ha collaborato con Paolo Filippi per il programma "Cordialmente" e con Radio Sì di Bruxelles. Dal dicembre 2010 al dicembre 2011 ha diretto la rivista a vocazione territoriale XD Magazine, che esce nelle province di Avellino e Benevento. A dicembre 2010 è uscito il suo primo romanzo "Conflitti" Tra il 2012 e il 2013 escono i primi due quaderni della serie: Le interviste di Maria Ianniciello. Il direttore di Cultura & Culture intervista Aldo Masullo e il fratello di Salvo D'Acquisto, Alessandro. Da gennaio 2016 è naturopata in formazione presso l'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica, presieduto da Raffaele Morelli. Su Cultura & Culture si occupa di benessere e naturopatia con un occhio sempre attento alla cultura. Pratica l'aromaterapia sia in gruppo che individualmente e fa consulti naturopatici.

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI