Cristina D’Avena: “FestivalMar”, la recensione del nuovo singolo

Cristina D'AvenaL’estate tarda ad arrivare? Le nubi cariche di pioggia non danno tregua? Don’t worry, ci pensa Cristina D’Avena con “FestivalMar”, nuovo singolo della cantante emiliana, colonna sonora ideale delle vacanze 2014. Il brano, il primo prodotto dall’etichetta Crioma Music, è anche la sigla dell’omonima rassegna canora dedicata ai bambini (dai 6 ai 16 anni) che si svolge in queste settimane a Gatteo Mare, in Romagna, e di cui Cristina è madrina.

Su musica e arrangiamenti di Cristiano Macrì, la D’Avena canta con l’energia e la simpatia che la contraddistinguono, trascinandoci nel suo magico mondo di colori. Il ritmo del pezzo è contagioso: impossibile non muovere gambe e bacino mentre si ascolta “FestivalMar”. In riva al mare oppure sdraiati sul bordo di una piscina, poco importa. Cristina (che ha da poco compiuto 50 anni pur dimostrandone la metà) fa ballare grandi e piccini con la passione e l’ironia che, da sempre, caratterizzano le sue canzoni e il suo modo di stare sopra e sotto il palco.

“SCristina D'Aavena_FestivalMarulla sabbia sai, c’è chi giocherà e una festa scoppiettante presto inizierà. Dentro una conchiglia canta il mare blu, portala con te e non lasciarla più“. Il testo di “FestivalMar” è un invito a gettarsi alle spalle, almeno per un giorno, problemi e preoccupazioni, per aprire cuore e mente al divertimento e ai sapori dell’estate. Sotto il sole o le stelle, la musica riecheggia sulle spiagge e contagia con la sua freschezza e la gioia di vivere. Parola d’ordine: “allegria”. Basta coi musi lunghi e le lamentele. Stop alla tristezza e alla solitudine. Con “FestivalMar” la festa si accende e scatenarsi diventa quasi un dovere. “Canteremo tutta la notte. Noi siam pronti, non dir di no. Questo è un ritmo che batte forte. Se non tardi ti aspetterò“. Il messaggio arriva forte e chiaro, mentre un coro di bambini incalza e accompagna la splendida voce della D’Avena.

“FestivalMar” è solo l’ultimo di una serie di successi di un’artista che ha sempre giocato con la musica e le parole, senza mai porsi limiti, puntando sulla semplicità e sul sorriso. La sua è una carriera costellata di brani e sigle di cartoni animati che hanno fatto sognare e cantare milioni di ragazzini, coinvolgendo più generazioni. Una vita trascorsa sul palco, un percorso tra le note iniziato negli anni Sessanta, all’età di 3 anni, con lo Zecchino d’Oro e quella canzoncina che ancora ci ritroviamo a canticchiare: “Il valzer del moscerino2. Da allora ne ha fatta di strada, Cristina. Collezionando hit e concerti sold out, apparizioni in serie televisive per ragazzi (ve la ricordate in “Love me Licia” nel 1986?), la D’Avena non si è mai fermata (il tour con i Gem Boy continua a macinare record di presenze). L’ultimo singolo, disponibile su iTunes e sui principali digital stores, è solo la ciliegina sull’enorme torta di successi di quella che è considerata l’unica, vera “fatina” della musica italiana.

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Silvia Marchetti

Silvia Marchetti
Silvia Marchetti, nata a Mirandola (Modena) nel 1981, è giornalista pubblicista e web designer. Laureata in Scienze Politiche presso l’Università di Bologna, si occupa da anni di Cultura e Spettacoli, pubblicando articoli, recensioni e interviste relative al mondo del teatro, del cinema e, in particolare, della musica. Tra le sue passioni, la buona cucina, i concerti, la moda e Milano, città in cui ha deciso di vivere.

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI