creed-nato-per-combattere-trailer-trama-recensione

Creed – Nato per combattere: trailer, trama e recensione

Il trascorrere del tempo è il filo conduttore dello spin-off Creed – Nato per combattere, film diretto da Ryan Coogler, con Sylvester Stallone – che ha ricevuto per questo ruolo un Golden Globe e la nomination agli Oscar come attore non protagonista (riconoscimenti più che meritati) – e Michael B. Jordan nei panni di Adonis, figlio illegittimo del leggendario Apollo Creed. «Il tempo sconfigge tutti, il tempo è imbattibile», dice Rocky. Il passaggio del testimone dal vecchio al nuovo è qui evidenziato dall’amicizia tra i due personaggi che ricorda per certi versi la commedia francese Quasi amici. In Creed le emozioni crescono fino a esplodere nel match finale, quando il protagonista dovrà sfidare il campione di pesi massimi, dimostrando di essere il degno erede del padre. Al suo fianco c’è una leggenda della boxe: Rocky Balboa che lo allena con la solita dedizione, trasmettendogli una carica di valori universali e intramontabili, proprio come avevano fatto i suoi allenatori.

Nel substrato emozionale di Creed – Nato per combattere c’è una forte vena nostalgica, come si evince dalle note della celebre colonna sonora che ci riporta per un breve e intenso istante agli anni Settanta, quando lo stallone italiano era solo un ragazzo che sognava di fare il pugile e che riscuoteva i crediti per un usuraio italoamericano. Rocky è invecchiato, è stanco di combattere, ha messo da parte i guantoni e non entra in una palestra da anni ma l’entusiasmo di un ragazzo venuto da Hollywood gli ridà brio e carica. Stallone, nella duplice veste di attore e produttore, non si è occupato della regia eppure nel film il suo stile è palese.

creed-nato-per-combattere-trailer-trama-recensione

Gli ideali che hanno fatto grande l’America sopravvivono nello sport e nella vita, dove c’è a volte una seconda chance. Com’è capitato al piccolo Adonis, abbandonato dal padre, cresciuto in un riformatorio dopo la morte della madre e rimesso in sesto con amore dalla moglie di Apollo che il ragazzo chiama «mamma». Creed – Nato per combattere, nonostante i cliché di un genere cinematografico che continua a piacere, merita di essere visto per la performance degli attori, in particolare di Sylvester Stallone, e per il messaggio didascalico. La metafora della vita? Combattere con dignità (e per un’identità) fino alla fine, senza arrendersi, anche quando gli altri ci danno per spacciati. Chi dobbiamo sfidare? Il nostro avversario peggiore, dice Rocky, è il riflesso che vediamo nello specchio, cioè siamo noi stessi! Di seguito il trailer del film.

Commenti

commenti

Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti

Autore dell'articolo: Maria Ianniciello

Maria Ianniciello
Fondatrice di Cultura & Culture. Giornalista, iscritta all'Ordine dei giornalisti della Campania. Naturopata in formazione presso l'Istituto Riza. Laureata in lettere con il massimo dei voti (vecchio ordinamento) presso la Seconda Università di Roma, lavora a tempo pieno da diversi anni nel giornalismo. Ha lavorato con quotidiani e televisioni dell'Irpinia e del Sannio: Valtelesinanews, Buongiorno Irpinia, Telenostra e Ottopagine. Ha collaborato con Paolo Filippi per il programma "Cordialmente" e con Radio Sì di Bruxelles. Dal dicembre 2010 al dicembre 2011 ha diretto la rivista a vocazione territoriale XD Magazine, che esce nelle province di Avellino e Benevento. A dicembre 2010 è uscito il suo primo romanzo "Conflitti" Tra il 2012 e il 2013 escono i primi due quaderni della serie: Le interviste di Maria Ianniciello. Il direttore di Cultura & Culture intervista Aldo Masullo e il fratello di Salvo D'Acquisto, Alessandro. Da gennaio 2016 è naturopata in formazione presso l'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica, presieduto da Raffaele Morelli. Su Cultura & Culture si occupa di benessere e naturopatia con un occhio sempre attento alla cultura. Pratica l'aromaterapia sia in gruppo che individualmente e fa consulti naturopatici.

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI