Conclave, chiuso il portone della Cappella Sistina

© fabiomax - Fotolia.com
© fabiomax – Fotolia.com

ECCO I PAPABILI

I 115 cardinali hanno posto la mano destra sul Vangelo e recitando una formula, antica quasi quanto la Chiesa, hanno fatto un giuramento in latino con accenti linguistici diversi che hanno evidenziato come il messaggio di Cristo si sia sparso in tutto il mondo.

«Prometto, mi obbligo e giuro. Così Dio mi aiuti e questi Santi Vangeli che tocco con la mia mano». Queste le parole pronunciate dai religiosi. I 115 cardinali – il cui limite d’età per l’ingresso in Conclave è di ottanta anni, secondo il regolamento varato da Paolo VI – si sono prima riuniti in preghiera nella Cappella Paolina e, dopo una solenne processione, sono entrati nella Cappella Sistina. Infine il giuramento e l’“Extra omnes”, ovvero l’invito a uscire di tutte le persone che non partecipano al Conclave dalla cappella, e la chiusura del portone protetto dalle guardie svizzere. Da questo momento più nulla si saprà. Gli occhi del mondo aspetteranno il segnale dal cumignolo posto sulla Cappella Sistina: quel fumo bianco che segna l’inizio di una nuova epoca, dopo le clamorose dimissioni di Benedetto XVI, decisione mai presa da un Papa in tempi moderni.

Questa sera, dunque, ci sarà la prima votazione e di conseguenza la fumata, che, tenendo presente quanto accaduto nei precedenti Conclavi e quanto scaturito dalla congregazioni, sarà certamente nera. Da domani, invece, sino all’elezione del nuovo Pontefice, le votazioni saranno quattro quotidianamente.  Sempre guardando alla storia, se l’elezione avvenisse tra domani e dopodomani, vuol dire che il nuovo Pontefice è un cardinale definito forte, cioè scelto tra gli ipotetici papabili, a differenza di quanto accaduto nel Conclave del 1978 quando fu eletto Giovanni Paolo II, quell’uomo venuto da molto lontano che i cattolici impararono ad amare e su cui nessuno sapeva nulla.

Maria Ianniciello

Ecco chi è Maria Ianniciello: http://www.culturaeculture.it/author/maria-ianniciello

 

Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Maria Ianniciello

Maria Ianniciello
Fondatrice di Cultura & Culture. Giornalista, iscritta all'Ordine dei giornalisti della Campania. Naturopata in formazione presso l'Istituto Riza. Laureata in lettere con il massimo dei voti (vecchio ordinamento) presso la Seconda Università di Roma, lavora a tempo pieno da diversi anni nel giornalismo. Ha lavorato con quotidiani e televisioni dell'Irpinia e del Sannio: Valtelesinanews, Buongiorno Irpinia, Telenostra e Ottopagine. Ha collaborato con Paolo Filippi per il programma "Cordialmente" e con Radio Sì di Bruxelles. Dal dicembre 2010 al dicembre 2011 ha diretto la rivista a vocazione territoriale XD Magazine, che esce nelle province di Avellino e Benevento. A dicembre 2010 è uscito il suo primo romanzo "Conflitti" Tra il 2012 e il 2013 escono i primi due quaderni della serie: Le interviste di Maria Ianniciello. Il direttore di Cultura & Culture intervista Aldo Masullo e il fratello di Salvo D'Acquisto, Alessandro. Da gennaio 2016 è naturopata in formazione presso l'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica, presieduto da Raffaele Morelli. Su Cultura & Culture si occupa di benessere e naturopatia con un occhio sempre attento alla cultura. Pratica l'aromaterapia sia in gruppo che individualmente e fa consulti naturopatici.

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI