Quanto fanno piangere quei Cattivi Vicini!

cattivi vicini 20 agostoIn attesa di rivederlo al fianco del suo fedele compagno di giochi, James Franco, in The Interview, Seth Rogen sfida il super palestrato Zac Efron a colpi di canne e turpiloqui. Una giovane coppia di neogenitori, Mac (Seth Rogen) e Kelly Radner (Rose Byrne), è all’apice della felicità dopo essersi trasferita in una bella casa di un quartiere pacifico. La loro quiete familiare sarà messa in grave pericolo dalla confraternita capitanata da Teddy (Zac Efron) e dal suo fedele compare Pete (Dave Franco) che ha affittato la casa a fianco per scatenarsi in dei rave rumorosissimi. Dopo i primi tentativi di avvicinamento per apparire “cool”, Mac e Kelly perderanno la pazienza e decideranno di architettarne delle belle pur di vedere Teddy & Co fuori dal loro vicinato. Il ragazzo darà ben pochi segni di cedimento, non mostrando il minimo rispetto per una coppia di genitori insolita quanto disperata. Cattivi Vicini non è quanto di peggio l’industria cinematografica americana possa produrre ma poco ci manca. Una commedia dove delle rare trovate spassose (come la neonata vestita per Carnevale da Walter White di Breaking Bad) si alternano a delle scene puerili, banali e di cattivo gusto. Nicholas Stoller torna dietro la macchina da presa dopo il deludente The Five-Year Engagement e lascia che siano Zac Efron e Seth Rogen a dare libero sfogo alla loro demenzialità che, come dimostra Facciamola Finita, messa al servizio di un progetto originale, può dare vita a un prodotto qualificante e divertente. Eppure, la coppia di sceneggiatori Andrew J. Cohen e Brendan O’Brien e il regista Stoller fanno del loro meglio per tornare ai livelli commerciali del suo debutto Forgetting Sarah Marshall. Cattivi vicini uscirà nelle sale italiane a partire da mercoledì 20 agosto, distribuito dalla Universal Pictures.

Si tratta diuna commedia con meri scopi commerciali che punta a un intrattenimento becero e superficiale. Oltre al talento comico di Seth Rogen, la produzione punta tutto su Zac Efron, diventato un vero sex symbol che non ha niente a che vedere con il ruolo di Tray Bolton, cioè con il personaggio interpretato in High School Musical che l’ha reso celebre. I suoi pettorali avevano già superato la prova nello scandaloso The Paperboy di Lee Daniels, mai arrivato nelle sale italiane. Se l’era cavata piuttosto bene nei panni di un medico nell’opera prima di Peter Landesman, Parkland, e dimostra in Cattivi Vicini di essere abbastanza credibile anche in un ruolo comico, brillando nei panni di uno psicotico e antipatico party boy. E’ decisamente impressionante vedere Seth Rogen nei panni di un genitore e marito responsabile ed è evidente l’alchimia sul grande schermo tra Efron e Rogen. Crediamo, dunque, che Cattivi vicini potrebbe essere il primo di una serie di film con quest’improbabile coppia protagonista. Non è da escludere l’idea del sequel di una commedia irriverente, piena di buoni propositi e perfetta per una serata tra amici. Stoller con la sua regia sopperisce alla trama scarna e inconsistente, realizzando un film grossolano, decisamente poco raffinato e incline alla volgarità. Il pubblico americano ha dimostrato di apprezzare queste qualità accorrendo nelle sale per vedere la pellicola, che nel suo primo weekend di uscita ha incassato la bellezza di 49milioni di dollari, uno dei migliori risultati di sempre per una commedia vietata ai minori. Stesso successo in Inghilterra dove il suo potenziale commerciale è stato confermato dagli 8milioni e mezzo di sterline incassati dal debutto al botteghino, meglio di Una notte da leoni, Strafumati e Molto incinta messi insieme. In Italia il successo non è così assicurato, tenendo conto che il film è già online sottotitolato da diverse settimane.

Trailer: http://youtu.be/jCyjFjwfItc

Rosa Maiuccaro

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Rosa Maiuccaro

Appassionata di cultura, sport e scrittura fin dalla tenera età, sto lavorando affinché le mie passioni possano diventare un lavoro a tempo pieno. Come diceva Confucio: "Scegli il lavoro che ami e non lavorerai mai, neanche per un giorno in tutta la tua vita". Il cinema, la lettura, il teatro e la danza mi hanno cambiato la vita. Ho scoperto un mondo in cui non ci si sentiva mai soli e dove era possibile essere davvero se stessi. Tramite la mia scrittura, tento di dare accesso a quel mondo favoloso al maggior numero di persone possibili. Per il resto, come sosteneva Fellini, è la curiosità che mi fa svegliare la mattina.

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI