Baciato dalla Fortuna, stasera in tv la comicità italiana è l’indiscussa protagonista

Su Canale 5 andrà in onda, alle 21.11, una commedia degli equivoci dove a stravincere è l’irriverenza e la simpatia di Vincenzo Salemme. La trama e la recensione di “Baciato dalla fortuna”

Baciato dalla fortunaE’ molto raro, al giorno d’oggi, trovare una commedia italiana che riesce sia a far ridere con gusto che ad intrattenere con intelligenza. Baciato dalla fortuna, lungometraggio del 2011 diretto da Paolo Costella che viene proposto stasera sulle frequenze di Canale 5, è l’esempio palese della crisi d’idee in cui è caduta anche la commedia all’italiana; questo non è il film più esilarante e d’impatto interpretato da Vincenzo Salemme, ma l’appeal e la tracotante simpatia del comico napoletano, riescono saggiamente a compensare dei palesi buchi nella sceneggiatura.

Salemme in questo film è Gaetano, un vigile urbano napoletano trapiantato nella bellissima città di Parma. Divorziato da una donna molto cattolica e fidanzato con una giovane fedifraga (Asia Argento), Gaetano dall’indole ironica e perbenista, ha il vizio del gioco d’azzardo che, inevitabilmente, lo ha portato ad avere seri problemi economici. L’incontro con una neo-psicoanalista (Nicole Grimaldo) da sempre innamorata di Gaetano, mette in scena una serie di bizzarri eventi che, purtroppo, capitolano in un finale banalotto e di poco impatto.

Non ci sono grandi aspettative dunque nei confronti di Baciati dalla Fortuna. Vincenzo Salemme infatti è il protagonista di un film pretenzioso, che vorrebbe far ridere con gusto invece non riesce a strappare una vera risata fragorosa cadendo, purtroppo, in tutti i classici stilemi di cui la stessa commedia all’italiana da anni è rimasta vittima. Baciato dalla fortuna salemmeNon è bastata quindi l’atmosfera metropolitana e soleggiata della città di Parma, la bellezza di Asia Argento (in completo stato di grazia), o l’irriverenza di un’inedita Nicole Grimaldo a sollevare le sorti della pellicola, ma dispiace dirlo, Baciato dalla Fortuna è sicuramente il film minore a cui Salemme ha preso parte. Ben lontano dalla pienezza de L’amico del cuore o dall’irriverenza di S.M.S., Salemme con questo suo lavoro, ha voluto imporre a tutti i costi la sua verve e la grande prestanza scenica. Quel che manca in Baciato dalla Fortuna è una trama sviluppata con cognizione di causa, delle battute al fulmicotone, un colpo di scena ad effetto ed un finale capace di rovesciare l’intero plot.

Il film diretto da Paolo Costella pur non avendo tutte queste caratteristiche, riesce nell’intento di intrattenere il pubblico per far trascorrere 90 minuti di puro e semplice relax. Baciato dalla Fortuna è dedicato al grande estimatore del comico napoletano, a chi è in cerca di una commedia abbellita con molti fronzoli e soprattutto a quella buona fetta di pubblico che vuole trovare un film disimpegnato, semplice e genuino. Un vero peccato per l’immensità di Salemme che, con questo film, a tutti costi ha voluto portare la tradizione comica napoletana al di fuori del territorio campano; il pubblico apprezza ma la vera qualità comincia latitare.

Trailer del film “Baciato dalla fortuna”: http://youtu.be/5EI12IOJ2R0

Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti

Carlo Lanna

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Carlo Lanna

Carlo Lanna
Carlo è un ragazzo spigliato, timido e sognatore. Di origini casertane (ma sogna di vivere a Londra), è rimasto fatalmente attratto dal mondo del cinema quando, a 13 anni, ha visto per la prima volta "Il delitto Perfetto" del grande Hitchcock. Accanito lettore di saghe fantasy e cultore dell'arte seriale americana, Carlo vorrebbe che questa insana passione per la settima arte diventasse un lavoro a tutto gli effetti. Sarà un cammino lungo ed irto di ostacoli, ma è convinto che le soddisfazioni arriveranno molto presto.

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI