AMBRA ANGIOLINI E LA LISTA DEI DESIDERI

Ambra Angiolini ha scelto per San Valentino i regali della Lista dei Desideri di Save the Children. Si tratta di 26 doni che si possono fare anche online. Tra questi figurano kit per il parto, latte terapeutico e, da questo San Valentino, anche pillole anticoncezionali e profilattici, in quanto, spiegano da Save the Children, 1.8 milioni di morti infantili non ci sarebbero se le mamme facessero passare 36 mesi fra una gravidanza e l’altra. Ogni anno 50mila teenagers muoiono a seguito del parto.

ambra

Dalla lista dei desideri
Dalla lista dei desideri

Per vedere la lista basta un clic su www.savethechildren.it/desideri.

I regali della Lista dei Desideri, benché virtuali, sono esemplificativi dei reali interventi che Save the Children porta avanti a favore di centinaia di migliaia di bambini in oltre 120 paesi del mondo: interventi nell’ambito della salute materno-infantile, attraverso la formazione di operatori sanitari, il supporto sanitario e nutrizionale alle madri prima durante e dopo il parto, il counseling alle coppie e agli adolescenti sulla salute riproduttiva e sui principali metodi di contraccezione e pianificazione familiare; progetti per l’accesso all’istruzione dei bambini, con particolare attenzione alle bambine; programmi a sostegno del reddito familiare; interventi di aiuto in situazioni d’emergenza.

La persona a cui è indirizzato il regalo potrà ricevere una simpatica cartolina cartacea o elettronica con un messaggio personalizzato, o un video-messaggio di auguri che il mittente registrerà dal proprio computer.

«Quest’anno, significativamente per San Valentino, alla già ampia lista di regali ne abbiamo aggiunti due nuovi: le pillole anticoncezionali e i profilattici», spiega Annalaura Anselmi, Responsabile della Lista dei Desideri di Save the Children che aggiunge: «Si tratta di due regali che richiamano gli interventi di pianificazione familiare che Save the Children porta avanti nel più ampio quadro dei progetti a tutela della salute di bambini e mamme in paesi nei quali il concepimento e la successiva nascita di un bambino troppo spesso si trasformano in eventi pericolosi o addirittura mortali per il bimbo e la mamma stessi, soprattutto laddove quest’ultima sia, come spesso accade, giovanissima».

Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti

Ogni anno più di 500mila bambini e 70mila donne muoiono per cause legate al parto. Nei paesi in via di sviluppo il parto è la principale causa di morte per le adolescenti tra i 15 e i 19 anni: ogni anno, infatti, perdono la vita 50mila teenagers.

«Il corpo di una ragazza minorenne è molto spesso non completamente formato per sopportare una gravidanza, con la conseguente crescita esponenziale del rischio di morte sia per la mamma che per il nascituro. Un rischio che si stima aumenti del 60% per i bambini nati da ragazze adolescenti, rispetto a bambini nati da mamme con più di 19 anni. Una mamma molto giovane poi è molto più esposta al rischio di emorragie al momento del parto che, in assenza di personale specializzato, possono portarla alla morte. Una giovane madre inoltre ha più probabilità di avere un parto prematuro e quindi un bimbo sottopeso, rispetto a una puerpera più grande, e purtroppo sono più di 1 milione ogni anno i nati prematuri che muoiono pochi giorni dopo la nascita», affermano da Save the Children.

In questo quadro, la possibilità di programmare la maternità e magari posticiparla, può davvero tradursi in meno morti materne e infantili e quindi in famiglie più serene, in cui i genitori possano dedicare più tempo, cure, attenzioni ed energie ai propri figli.

Si stimano in 1.8 milioni le morti infantili (entro il quinto anno di vita) che potrebbero essere evitate se le mamme lasciassero passare 36 mesi prima di un nuovo concepimento. Si stima inoltre che ad ogni dollaro speso in pianificazione familiare ne corrispondono 4 spesi per curare complicazioni dovute a gravidanze indesiderate.kitparto

«Dobbiamo rimuovere la falsa idea secondo la quale portare avanti programmi di pianificazione familiare significa contrastare la maternità. Al contrario informare le donne, gli adolescenti o le giovani coppie sulla salute riproduttiva e le misure contraccettive consente loro di trasformare la maternità e paternità in un’esperienza più consapevole, responsabile e quindi più libera e felice – sottolinea Annalaura Anselmi -. Save the Children Italia realizza programmi di salute materno-infantile al cui interno vengono condotti interventi di pianificazione familiare in Mozambico ed Etiopia. I programmi sono portati avanti in collaborazione con le comunità locali e nell’ambito dei sistemi sanitari nazionali».

E a supporto dei regali solidali di Save the Children anche Ambra Angiolini: «Quest’anno anche io farò un regalo dalla Lista dei Desideri di Save the Children e regalerò una scatola di pillole anticoncezionali , a simboleggiare la volontà di aiutare le donne e le coppie a vivere la maternità e la paternità come un’esperienza responsabile e sostenibile, perché la nascita di un figlio deve essere un evento felice e positivo».

Con i fondi raccolti grazie alla Lista dei Desideri, nel 2012 Save the Children ha realizzato progetti in Malawi, dove è intervenuta in progetti di sicurezza alimentare che hanno coinvolto 10mila bambini con meno di 5 anni, mentre in Egitto l’Organizzazione ha favorito l’accesso alle scuole primarie per migliaia di bambini.

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Redazione

Redazione
Impaginazione, revisione, scrittura e pubblicazione sono a cura della redazione che decide cosa pubblicare e cosa non pubblicare, secondo la linea editoriale tracciata dal direttore! Sede operativa redazione: via Angelo Antonio Minichiello, 83035 Grottaminarda (Avellino) info@culturaeculture.it - Tel. 0825 426543

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI