20 ottobre 2012
Redazione (4056 articles)
Share

ALIMENTAZIONE: IL BIOLOGICO È PIÙ SICURO?

© Giuseppe Parzani – Fotolia.com

Il biologico sta diventando una moda, se non un vero e proprio stile alimentare per molti italiani, che sempre più scelgono di mangiare “sano”. Ma non sempre la dicitura “biologico” è sinonimo di qualità. A chiarirlo è Massimiliano Dona, Segretario generale dell’Unione Nazionale Consumatori (UNC), commentando le numerose richieste di informazioni sui prodotti bio che giungono agli sportelli dell’associazione.

«L’incondizionata passione dei consumatori per il biologico è l’ennesima prova del loro disorientamento. Molti consumatori ci chiedono se possono fidarsi dei prodotti biologici e se è giustificato il prezzo più alto rispetto agli alimenti convenzionali. Con carrelli della spesa sempre più magri in effetti fa riflettere che questo è uno dei pochi settori che regge alla crisi». Non sempre, quindi, l’elevato costo dei cibi biologici è giustificato. È vero che si segue un ciclo produttivo più naturale, senza l’uso di sostanze chimiche, ma è pur vero che evitare del tutto la contaminazione è impossibile.

«A chi predilige il biologico perché lo considera più sicuro -spiega Agostino Macrì, esperto di sicurezza alimentare dell’UNC- rispondiamo che indubbiamente ha caratteristiche di qualità che permettono di ritornare ai valori della tradizione, ma il livello di sicurezza è analogo a quello degli alimenti convenzionali. In concreto, le produzioni biologiche seguono cicli produttivi naturali senza il ricorso a sostanze chimiche ‘xenobiotiche’ e quindi viene evitata la presenza di residui di pesticidi, fitofarmaci, farmaci veterinari; negli alimenti convenzionali, in ogni caso, l’eventuale presenza di questi residui è molto contenuta e comunque sempre al di sotto dei limiti di sicurezza che sono stati stabiliti dalle autorità sanitarie nazionali e comunitarie. Il vero problema – spiega l’esperto – è che le sostanze chimiche naturali (micotossine, prodotti di degradazione) ed i microrganismi (virus, batteri, parassiti, funghi) di origine ambientale (che possono essere alla base delle tossinfezioni alimentari) possono essere presenti sia negli alimenti biologici sia in quelli convenzionali».

Ma esiste un perché del prezzo elevato, che va al di là della qualità del prodotto: «A far lievitare i costi del biologico -aggiunge Macrì- contribuiscono le norme comunitarie che impongono una ‘certificazione’, le cui spese devono essere sostenute direttamente dai produttori. Ridurre i costi per le certificazioni (rendendole anche più efficienti), contenere le spese di gestione per i produttori e accorciare ulteriormente la filiera aiuterebbe, perlomeno, a rendere il biologico meno elitario».

Redazione

Redazione

Impaginazione, revisione, scrittura e pubblicazione sono a cura della redazione che decide cosa pubblicare e cosa non pubblicare, secondo la linea editoriale tracciata dal direttore! Sede operativa redazione: via Angelo Antonio Minichiello, 83035 Grottaminarda (Avellino) info@culturaeculture.it - Tel. 0825 426543

Commenti

Ancora nessun commento. Puoi essere il primo a commentare!

Scrivi un commento

Solo gli utenti registrati possono commentare.