In “3 Days To Kill” Kevin Costner padre e agente della Cia

3daystokill

Kevin Costner torna al Cinema con un action movie comedy e lo fa in grande stile. Nel film “3 Days To Kill”, diretto da Luc Besson e McG, l’attore è in forma smagliante e perfettamente a suo agio nei panni di Ethan, un agente della Cia, che dopo aver corso una serie di rischi, decide di vivere in modo più tranquillo gli ultimi mesi che gli restano da vivere. Ethan, infatti, è affetto da una letale forma di cancro al cervello che si è diffuso anche ai polmoni. La pellicola ci fa conoscere un altro Costner, il quale non lascia quell’alone di romanticismo che caratterizzava personaggi come Garret de “Le parole che non ti ho detto” o Jay di “Revange” aggiungendovi però un pizzico d’ironia e i modi un po’ bruschi del killer. 3 Days To KillUn mix perfetto che attutisce le scene di violenza, rendendole addirittura comiche, nonostante le tematiche trattate, come la malattia e il rapporto padre-figlia, che suscita tenerezza, facendoci più volte sorridere. Ethan è padre di un’adolescente, Zooey, con la quale ha perso i contatti a causa dei suoi pericolosi impegni di lavoro. Basti pensare che il giorno del compleanno della ragazza questo padre sui generis lascia alla figlia un messaggio in segreteria proprio tra una sparatoria e l’altra. Ma l’uomo, quando conosce il suo stato di salute, decide di riavvicinarsi alla moglie e a Zooey, che vivono a Parigi. Ethan, nonostante tutto è una persona buona, che cerca di sbrigare il lavoro sporco in poco tempo. Stanco, però, delle sue mancanze nei confronti della propria famiglia, lascia la Cia. Ma l’ultima chance di una cura sperimentale gliela offre proprio una sua affascinante collega (Amber Heard), a patto che compia un’altra missione. “3 Days To Kill” è divertente e non delude; inoltre, pur non lasciandoci con il fiato sospeso, la sceneggiatura di questo film è resa originale proprio dagli intrecci non casuali di ironia, buoni sentimenti e un po’ di azione.

Trailer: http://youtu.be/gRcQAljokKM

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Maria Ianniciello

Maria Ianniciello
Fondatrice di Cultura & Culture. Giornalista, iscritta all'Ordine dei giornalisti della Campania. Naturopata in formazione presso l'Istituto Riza. Laureata in lettere con il massimo dei voti (vecchio ordinamento) presso la Seconda Università di Roma, lavora a tempo pieno da diversi anni nel giornalismo. Ha lavorato con quotidiani e televisioni dell'Irpinia e del Sannio: Valtelesinanews, Buongiorno Irpinia, Telenostra e Ottopagine. Ha collaborato con Paolo Filippi per il programma "Cordialmente" e con Radio Sì di Bruxelles. Dal dicembre 2010 al dicembre 2011 ha diretto la rivista a vocazione territoriale XD Magazine, che esce nelle province di Avellino e Benevento. A dicembre 2010 è uscito il suo primo romanzo "Conflitti" Tra il 2012 e il 2013 escono i primi due quaderni della serie: Le interviste di Maria Ianniciello. Il direttore di Cultura & Culture intervista Aldo Masullo e il fratello di Salvo D'Acquisto, Alessandro. Da gennaio 2016 è naturopata in formazione presso l'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica, presieduto da Raffaele Morelli. Su Cultura & Culture si occupa di benessere e naturopatia con un occhio sempre attento alla cultura. Pratica l'aromaterapia sia in gruppo che individualmente e fa consulti naturopatici.

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI