Archive

Paolo Leone per Cultura & Culture intervista Daniela Poggi. Con il film ‘L’esodo’, opera prima del regista Ciro Formisano, l’attrice festeggia i suoi 40 anni di carriera, iniziata con il suo debutto teatrale del 1978. Un ruolo intenso, interpretato meravigliosamente, con cui la Poggi interpreta una donna senza più stipendio né pensione…

“Si può arrivare alla fine dell’esistenza in modo sano e naturale magari facendo anche quelle cose che si desiderano da tempo. Come ci dimostra il film Indian – La grande sfida, con Anthony Hopkins nel ruolo di Burt Munro, un uomo anziano che vive in Nuova Zelanda e che sogna da venticinque anni di battere il record di velocità della sua categoria alla Speed Week, una manifestazione che si svolge annualmente in America…”

“A volte ci lamentiamo per niente e invece questo film – al cinema dal cinema dal 18 gennaio – ci insegna che di fronte ai problemi reali, che mettono a repentaglio la nostra vita, le risorse psichiche ci vengono in aiuto, se sappiamo riattivarle. Il film racconta la vicenda realmente accaduta di due bambini ebrei…”

“Mi hanno sempre fatto ribrezzo la brutalità del razzismo e l’incapacità di provare compassione per chi riteniamo, a causa di condizionamenti sociali astrusi, diverso e quindi da emarginare. Di conseguenza ho sempre cercato di informarmi per saperne di più su un fenomeno che interessò principalmente gli Usa ma che ancora oggi ci riguarda… The Help per esempio è un film che affronta questa problematica…”

“Un cast tutto al femminile con Carlo Verdone unico mattatore di una commedia divertente e briosa. In Benedetta Follia l’attore romano, nei panni anche di regista, non si smentisce e gira un film che non si discosta per il tema trattato dai precedenti. Come in “L’abbiamo fatta grossa”, il protagonista è un uomo che è stato lasciato dalla moglie…”

“Il leader autentico è prima di tutto un grande ascoltatore di sé, non siamo in grado di ascoltare nessuno se per primi non sappiamo ascoltarci? Se non sappiamo comprendere prima i nostri bisogni come possiamo pretendere di comprendere quello degli altri? La vera comunicazione è quella autentica…”

Il legame tra l’Arte e cinematografia si fa così sempre più serrato dandoci la possibilità di compiere un viaggio senza precedenti mediante la vita, le opere e i tormenti di uno degli artisti più apprezzati al mondo. Il film-doc è al cinema il 19, il 20 e il 21 febbraio 2018 e poi approderà in Televisione, su Sky. La voce narrante è di Manuel Agnelli; nel corso del film-doc interverranno studiosi ed esperti d’arte…

“Diretto da Alejandro Gómez Monteverde, si tratta di un film del 2015, con un ottimo cast (c’è anche Emily Watson nel ruolo della madre del protagonista). La pellicola, nonostante il tema trattato, è pervasa da un forte senso dell’humor. I colori sono vivaci, quasi accecanti. I primi piani intensi…è la storia di un figlio che aspetta il padre…”. Qui trovi la trama e la recensione della pellicola.

Il sequestro di Paul Getty, che sconvolse l’Italia degli anni Settanta, viene visto attraverso la lente d’ingrandimento di Ridley Scott. Qui la recensione, la trama, il trailer ed alcune immagini della pellicola.

La gravidanza non è una malattia, è una condizione fisiologica attraverso la quale la donna può esprimere tutta la propria creatività ma è anche una responsabilità perché crescere un figlio vuol dire mettere le basi per un mondo migliore. Bianca Buchal si è dedicata per quasi tutta la vita alla natalità promuovendo una serie di iniziative. Qui trovi la recensione del testo che è consigliato per le future mamme.

Trama e recensione del film nelle sale cinematografiche dal 28 dicembre 2017. “Tra i vicoli di una Napoli smaliziata e sfacciata, entriamo sempre più nel vivo della storia facendo la conoscenza con una città ammaliatrice che custodisce segreti e che si nutre di superstizioni, di leggende, di miti. Ferzan Ozpetek ha il merito di aver dato dignità a Napoli mostrandoci l’altro volto…”